Lippi: «Nel regolamento c’è una norma fuori di testa»

128
lippi italia d. t. intervista
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex c. t. parla del ritorno mancato in Nazionale a causa di una normale del regolamento: «Era tutto fatto, poi mi informano di questa cosa»

Non è un segreto che Marcello Lippi fosse a un passo dal ritorno in Nazionale in veste di direttore tecnico. Poi una norma del regolamento che impedisce i conflitti di interesse, ha fatto saltare tutto: il figlio dell’ex commissario tecnico campione del mondo, Davide, è procuratore e tesserato FIGC. «È stato creato un articolo per vietare a un procuratore di lavorare se ha parenti in Federazione, una cosa fuori di testa! Mi hanno detto che avrebbero modificato quell’articolo, ma io non ho voluto: non voglio che siano fatte delle regole per favorirmi», ha spiegato ieri sera Lippi, ospite in tv de La Domenica Sportiva.

LIPPI: «ERA TUTTO FATTO» – Eppure, spiega l’ex c. t. «Avevo già firmato un pre-contratto, attendevamo l’ufficialità di Giampiero Ventura. Avevo già lavorato un paio di mesi ed avevo parlato con i vari candidati alla panchina, come Vincenzo Montella. Il giorno della presentazione di Ventura, il presidente ed il direttore generale della FIGC mi informano che da un anno e mezzo era stato modificata questa norma dello statuto sui procuratori».

Michele Ruotolo
Classe '88, capo-redattore e responsabile editoriale di Calcionews24. Spesso mi contraddico.
Condividi
Articolo precedente
calciomercato napoli reina higuain juventusReina: «Basta parlare di Higuain, ci siamo rinforzati»
Prossimo articolo
Investimenti alla Pinetina: Suning fa sul serioYang Yang: «Inter, ecco il progetto di Suning»