L’Italia c’è: passa con merito in Israele

117
immobile italia
© foto www.imagephotoagency.it

L’Italia vince in Israele: decide il tris firmato Pellè, Candreva ed Immobile

Qualificazioni al prossimo Mondiale, Russia 2018, il lastricato cammino dell’Italia di Ventura – accederà alla competizione in via diretta soltanto la prima forza di ogni raggruppamento, spareggi per le seconde – parte in Israele: vittoria firmata Pellè, Candreva ed Immobile. Di Ben Chaim la rete della bandiera israeliana.

PRIMO TEMPO – Partenza piuttosto rapida da una parte e dall’altra, tanta corsa e sovrapposizioni, l’Israele non se ne resta certo a guardare e prova a rispondere colpo su colpo alla maggiore qualità italiana: al 7’ minuto Eder in tuffo manca l’impatto decisivo, all’11’ Barzagli salva sulla linea di passaggio Chaim-Hemed. Al 14’ minuto passa l’Italia con un’azione bellissima: bravo Verratti a tenere palla e scaricare con intelligenza sulla corsa di Antonelli, assist perfetto per Pellè che non può fallire a tu per tu con Goresh. La prima vera scelta di Ventura paga, eccome se paga: Antonelli, a sorpresa in campo al posto di De Sciglio, sigla subito l’assist decisivo. Reazione israeliana affidata a Kayal: buona la percussione su Bonaventura, la conclusione è però sbilenca, la nazionale di casa prova spesso a passare sull’asse sinistro con Davidzada – Zahavi, senz’altro più di quanto lo faccia sulla sofferente corsia destra. Vedi l’occasione del vantaggio, vedi il calcio di rigore che al 34’ minuto un Ben Biton da horror procura per fallo su Bonaventura: si incarica della battuta Candreva che spiazza Goresh con un bel piattone e prova ad archiviare la pratica. Come non detto: al 35’ minuto gli azzurri sbagliano nel disimpegno in uscita, colpevole Chiellini, ne approfitta Ben Chaim che si esibisce in un magnifico pallonetto, Buffon neanche ci prova. In pieno recupero grande intervento di puro istinto da parte di Goresh sull’ottimo colpo di testa di Pellè, perfettamente imbeccato dal solito Candreva: sul tap-in prova a farsi perdonare Chiellini, nulla di fatto. All’intervallo si va sull’1-2.

SECONDO TEMPO – Pronti via ed è subito brivido: lancio sublime di Bonucci per Eder che scatta con i tempi giusti e tiene alle spalle il rientro di Tibi, pallonetto su Goresh e palla che va fuori non di molto. Nell’occasione il centrale israeliano si procura un infortunio muscolare e deve anticipatamente abbandonare il campo. Al 7’ si apre un buco nella mediana azzurra, ne approfitta Nir Biton che calcia con potenza di mancino, provvidenziale Buffon che vede all’ultimo la traiettoria e si oppone in corner. Al 10’ termina la serata da incubo di Chiellini: trattenuta su Hemed castigata dal direttore di gara, la dinamica spiega come sia una decisione al limite. Ci può stare. Italia ovviamente in sofferenza: Davidzaza sfonda sulla sinistra e il suo tiro-cross non trova un accorrente da comoda posizione, al 24’ Buffon prima sbaglia sulla botta di Atzily e poi salva con un miracolo sul diagonale di Zahavi. Al 29’ lo stesso si procura una punizione da oltre venti metri e la calcia, ribatte la barriera italiana, la rovesciata seguente di Hemed ha esito sfavorevole. Al 36’ gran botta di Kehat: palla alta. All’83’ minuto la chiude Immobile: azione paradossale, il lancio di Buffon – appena spizzato dalla testa di Pellè – diventa il miglior assist per Immobile che calcia con enorme potenza e precisione in diagonale, trafiggendo Goresh. Lo stesso sfiora la doppietta personale dopo un istante, palla appena a lato. Risultato finale: 1-3.

L’ITALIA C’E’ – Israele in enorme affanno sulla sua corsia destra: Ben Biton incappa in una serata da dimenticare in fretta, ne approfittano un volitivo Antonelli ed un ispirato Bonaventura, le loro azioni decisive nei primi due gol (che contano) dell’era Ventura. Azzurri però imprecisi in disimpegno, fattore quantomeno particolare considerando il tenore dei centrali a disposizione: Chiellini spiana la strada alla magia di Ben Chaim, il migliore dei suoi. La ripresa è tutt’altro che ordinaria amministrazione: la serata no del centrale azzurro è completata dal rosso rimediato per doppia ammonizione, finale di enorme sofferenza. La decide il cocco dell’allenatore: Immobile entra e toglie la paura, buona la prima!

TABELLINO – ISRAELE – ITALIA 1-3

Marcatori: Pellè (It) 14’, Candreva (It) 34’ rig., Ben Chaim (Is) 35’, Immobile (It) 83’

Ammoniti:

Espulsi: Italia – Chiellini per doppia ammonizione

Israele (4-5-1): Goresh; Ben Biton, Tibi (al 50’ Gershon), Tzedek, Davidzada; Ben Chaim (al 62’ Kehat), Yeini, Nir Biton (al 57’ Atzily), Kayal, Zahavi; Hemed. In panchina: Harush, Kleyman, Dasa, Golasa, Natcho, Einbinder, Saief, Magharbeh, Dabbur. Allenatore: Elisha Levy

Italia (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Candreva (al 67’ Florenzi), Parolo, Verratti, Bonaventura (al 62’ Ogbonna), Antonelli; Eder (al 70’ Immobile), Pellè. In panchina: Donnarumma, Marchetti, Rugani, Astori, De Sciglio, Montolivo, Bernardeschi, Gabbiadini, Pavoletti. Allenatore: Giampiero Ventura

Massimiliano Bruno
Giornalista sportivo ed economico, dottore di ricerca in analisi socio-economica, diffido di chi va d'accordo con tutti, nato curioso.
Condividi
Articolo precedente
inter mancini gullitMancini risponde: «Gullit? Invidia brutta bestia»
Prossimo articolo
candreva italia israeleLe pagelle: Israele – Italia