Moggi non sapeva dell’ospitata in discoteca

235
moggi calciopoli
© foto www.imagephotoagency.it

Luciano Moggi ospite in una discoteca di Avezzano, ma alla fine salta tutto: l’ex d. g. della Juventus si ammala e l’ospitata, già programmata, non si fa. Eppure era tutto pronto per la nuova carriera di Big Luciano…

AGGIORNAMENTO BIG LUCIANO ALL’OSCURO DI TUTTO: L’inchiesta sulla non presenza di Moggi all’appuntamento in discoteca è andata avanti e il Centro ha contattato Gianni Napoleone, proprietario del locale in cui doveva avvenire l’ospitata. Queste le sue parole: «Moggi mi ha contattato ed è stato davvero gentile. Ci ha spiegato come lui fosse all’oscuro di tutto e come tutto fosse stato organizzato da altri. Ci ha poi garantito che partecipa spesso ad eventi ma lo fa senza alcun compenso, promettendo che verrà a trovarci comunque. Questa storia ci ha danneggiato in maniera rilevante e non finirà qui». L’agente che avrebbe dovuto portare Moggi al Reverso, si chiama Settimio Colangelo, anche lui intervenuto sulla vicenda: «Quello di Moggi doveva essere un favore in amicizia visto che conosco il suo medico personale il dottor De Luca, avrebbe percepito solo un gettone di presenza. Abbiamo i contratti in regola e firmati». A mettere il punto alla vicenda ci ha infine pensato proprio Moggi che ha così sdrammatizato: «Vado molto più volentieri in chiesa che in discoteca. Neanche da ragazzo frequentavo quel tipo di ambiente».

Incredibile a dirsi, ma tutto vero: Luciano Moggi, ex direttore generale della Juventus, principale protagonista dello scandalo di Calciopoli ed attualmente opinionista onnipresente su giornali e spesso anche in tv, doveva essere il protagonista di una serata in discoteca. Una vera e propria ospitata, di quelle solitamente tipiche di reduci da reality o personaggi televisivi in generale, a cui per Moggi, ormai ottantenne, si sarebbe sottratto per via di una influenza. Doveva succedere presso il locale Reverso, ad Avezzano, riporta oggi Il Centro: Moggi era stato ingaggiato, con tanto di cachet, per animare la notte della discoteca, la stessa dove una settimana fa, tanto per intenderci, si era esibito l’ex pornodivo Rocco Siffredi. Purtroppo un attacco influenzale e la prescrizione di riposo assoluto avrebbe privato il locale della presenza dell’ex d. g. juventino, che ha dovuto inviare certifica medico… MOGGI IN DISCOTECA: I DETTAGLI – Secondo il manager Settimio Santilli, a cui è venuta l’idea dell’ospitata di Moggi, l’ex dirigente bianconero sarebbe stata la star della serata ed era tutto già pronto e programmato per lui con tanto di regolare contratto. L’ex d. g. doveva garantire le proprie “prestazioni professionali” dall’1.30 alle 2.30 di notte ed era previsto nell’accordo anche il pernottamento in città. Alle 22.30 però l’invio del certificato medico che ha fatto saltare la serata, procurando imbarazzo all’organizzazione. Che peccato!

Condividi