Le pagelle: Macedonia – Italia

583
belotti
© foto www.imagephotoagency.it

Macedonia – Italia, è Nestorovski il migliore in campo a Skopje. Tra gli azzurri bene gli attaccanti

MacedoniaItalia 2-3, azzurri inguardabili per larghi tratti di gara e messa alle corde da una nazionale modesta come quella di Pandev e compagni: il coraggio dei padroni di casa non avrebbe meritato una sconfitta, giunta nel finale grazie alla solita reazione di nervi degli uomini di Ventura. A Skopje hanno deciso in ordine le reti di Belotti, Nestorovski, Hasani e la doppietta finale di Immobile. Italia che resta aggrappata alla Spagna e nonostante tutto può continuare a sperare nella qualificazione diretta.

Macedonia (5-3-2): Bogatinov 5.5; Ristovski 5, Mojsov 5.5, Sikov 5, Ristevski 5, Zuta 5.5 (al 46’ Ibraimi 6); Alioski 6.5, Spirovski 6, Hasani 7 (all’83’ Trajcevski s.v.); Pandev 6.5, Nestorovski 7.5 (al 68’ Petroviki 6)

Italia (3-5-2): Buffon 6; Barzagli 6, Bonucci 6, Romagnoli 5.5; Candreva 7, Bernardeschi 5 (al 64’ Parolo 6), Verratti 4, Bonaventura 5 (al 64’ Sansone 6), De Sciglio 5.5; Belotti 7 (all’83’ Eder s.v.), Immobile 7

MACEDONIA – IL MIGLIORE

Nestorovski 7.5: Letteralmente indiavolato. Diciamocela tutta: avrebbe meritato il gol già nel primo tempo, quando un po’ di timore in alcuni casi e la clamorosa traversa poi gli hanno negato la gioia della rete. Soltanto ritardata: riscuote il bottino nella ripresa sfruttando il clamoroso errore di Verratti, poi deve lasciare il campo per via di un infortunio che lo estromette dalla contesa sul più bello. Toro scatenato.

MACEDONIA – IL PEGGIORE

Ristevski 5: Male nella tenuta degli attaccanti, sia quando decentrato sulla corsia mancina – in concomitanza dell’uscita dal campo di Zuta – per contenere Candreva. Che a dire il vero non vede neanche con il binocolo. Ma nel complesso emergono i valori individuali piuttosto contenuti della linea difensiva macedone, non all’altezza del buon ritmo e discreta qualità emersa nell’altra metà campo.

ITALIA – IL MIGLIORE

Belotti ed Immobile 7: L’Italia disputa una partita tutt’altro che memorabile, a dire il vero disastrosa, si salva questo attaccante in un letterale stato di grazia: alla prima palla buona Belotti fa centro freddando la difesa macedone sugli sviluppi di un corner, resta attivissimo per il resto della gara, lottando su ogni palla e prodigandosi per garantire quel minimo di profondità. Primo gol in azzurro, si auspica di una lunga serie. Nel finale si scatena il collega di reparto: una doppietta salvifica per le ambizioni di un’Italia al momento troppo brutta per essere vera.

ITALIA – IL PEGGIORE

Verratti 4: Ma non soltanto per il clamoroso errore del momentaneo 1-1, di cui parleremo. Il reale problema è che latita del tutto in cabina di regia: non prende in mano la squadra, non ne detta i tempi, non si oppone alla superiorità avversaria (clamoroso considerando il tenore della Macedonia) in termini di dinamismo. Manca di personalità e quel folle errore in disimpegno, con la palla servita sulla corsa di Nestorovski come nel migliore degli assist, è soltanto la conseguenza. Disastroso.

TABELLINO – MACEDONIA – ITALIA 2-3

Marcatori: Belotti (I) 23’, Nestorovski (M) 57’, Hasani (M) 58’, Immobile (I) 74’, Immobile (I) 92’

Ammoniti: Macedonia – Alioski, Spirovski, Ibraimi; Italia – Parolo

Espulsi:

Macedonia (5-3-2): Bogatinov; Ristovski, Mojsov, Sikov, Ristevski, Zuta (al 46’ Ibraimi); Alioski, Spirovski, Hasani (all’83’ Trajcevski); Pandev, Nestorovski (al 68’ Petroviki). In panchina: Zahov, Sislovski, Gjorgjev, Stjepanovic, Velkovski, Trichkovski, Jahovic. Allenatore: Igor Angelovski

Italia (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Romagnoli; Candreva, Bernardeschi (al 64’ Parolo), Verratti, Bonaventura (al 64’ Sansone), De Sciglio; Belotti (all’83’ Eder), Immobile. In panchina: Donnarumma, Perin, Astori, Ogbonna, Darmian, Florenzi, De Rossi, Benassi. Allenatore: Giampiero Ventura

Condividi