Marchisio: «Juventus tranquilla, ora sto bene»

85
© foto www.imagephotoagency.it

A Montelupo Fiorentino ecco spuntare Claudio Marchisio, centrocampista della Juventus. Il Principino era nell’Empolese per un evento legato al ricordo dei giovani Neri e Ferramosca

Claudio Marchisio ha sempre giocato nella Juventus tranne per una stagione, la prima da titolare in Serie A, in cui è andato in prestito a Empoli. Quell’anno gli azzurri vennero retrocessi ma per Marchisio il legame con l’ambiente è rimasto tanto che ieri era a Montelupo Fiorentino a un evento di beneficenza per Neri e Ferramosca: «Ho vissuto un anno importante a Empoli e anche se siamo retrocessi, torno sempre volentieri in questa terra a cui voglio bene. Mi sento a posto fisicamente. Sono felice di essere a un evento del genere per fare del bene al prossimo».

ALE & RICKY – Marchisio ha poi ricordato i due ragazzi scomparsi dieci anni fa a Vinovo per ipotermia: «Mi fa piacere aver visto una bella luce negli occhi dei genitori di Neri e Ferramosca. Mi ricordo quella partita di Serie B col Cesena, con il magazziniere Franco Monetta in lacrime nello spogliatoio e noi non capivamo cosa stesse succedendo. In un momento del genere uno ragiona in base a quello che succede, poi man mano che passano i mesi e gli anni, ripensa al suo percorso e ai suoi sogni. E che alle volte, per cose come quelle che sono successe ad Alessio e Riccardo, non si è stati fortunati nel realizzarli».

Condividi