Mancini: «Con Ibrahimovic o Touré si batte la Juventus»

49
mancini inter gregucci
© foto www.imagephotoagency.it

Dopo l’addio all’Inter Roberto Mancini è in attesa di un progetto, ma intanto parla dell’esperienza nerazzurra e non solo: «Mi sarebbe piaciuto molto allenare Totti»

Roberto Mancini è comunque contento della seconda esperienza all’Inter, sa di non aver centrato l’obiettivo e si dice dispiaciuto di non aver terminato il lavoro ma nel complesso è felice. L’Inter e il tecnico non sono riusciti a imboccare la stessa strada per raggiungere Scudetto o Champions League, ma lo jesino non vuole sentir parlare di svogliatezza nella preparazione e chiama in ballo i dati dell’Inter per mostrare quanto buono fosse il lavoro in ritiro. «Touré lo avevamo quasi preso un anno fa ma lui preferì non tradire il Manchester City. Lui è come Ibrahimovic, può spostare un campionato. Se un club li avesse presi sarebbe stato il vero rivale della Juventus» continua l’ex interista secondo cui quest’anno in Serie A non ce n’è per nessuno, lo Scudetto è roba della Juventus.

IL VANGELO SECONDO MANCINI – Elogi per il Napoli, secondo Mancini è stato bravo a investire i soldi della cessione di Higuain, mentre per il Milan la garanzia è Marco Fassone dato che i cinesi stanno sbarcando ufficialmente solo adesso. E sulla Roma? Ecco le parole del tecnico: «Il mio più grande rimpianto è non aver mai allenato Totti». Si passa a parlare di Premier League dove il Manchester United e il Manchester City daranno vita a un gran bel testa a testa e anche di Champions League, che il Mancio dice di inseguire da quella sera con la Sampdoria a Wembley quando perse la finale col Barcellona, che rimane favorito. Infine qualche parola sul futuro, Mancini non ha voluto sbilanciarsi troppo a Il Corriere dello Sport: «Aspetto un progetto serio per ripartire, ogni tanto staccare fa bene. Italia? Come tutti avrei voluto allenarla. Chissà, forse un giorno…».

Gianmarco Lotti
Giornalista sportivo toscano vivente, amante del calcio come cultura. Nel 2010 è stato inserito nella lista dei migliori calciatori nati dopo il 1989 stilata da Don Balón.
Condividi
Articolo precedente
inter de boerMiangue al debutto: «Mi tremavano le gambe»
Prossimo articolo
sousa-bis-fiorentina-luglio-2016-ifaPaulo Sousa: «Orgoglioso di essere alla Fiorentina»