Mancini, lo Zenit fa sul serio: esonerato Lucescu

mancini
© foto www.imagephotoagency.it

Roberto Mancini si avvicina allo Zenit San Pietroburgo: sarebbe il secondo allenatore italiano sulla panchina dei russi dopo gli anni di Spalletti. Esonerato Mircea Lucescu – 29 maggio, ore 7.00

Lo Zenit San Pietroburgo sembra credere davvero nella candidatura del tecnico marchigiano. Di ieri è la notizia dell’esonero ufficiale di Mircea Lucescu, cacciato dopo una stagione in cui non sono arrivati trofei. L’ex bresciano ora è a spasso e il profilo ricercato dai russi è proprio quello di Mancini. Il presidente Fursenko non vede l’ora di riportare in alto lo Zenit e quindi l’ex nerazzurro potrebbe essere l’uomo giusto, anche perché sono promessi investimenti in estate.

Mancini, lo Zenit fa sul serio

Roberto Mancini, futuro in Russia? Lo Zenit San Pietroburgo ha messo gli occhi sull’allenatore marchigiano, ‘in pausa’ dopo il divorzio dall’Inter di fine estate scorsa. Lo stesso tecnico di Jesi ha fatto capire che, dopo le esperienze al Manchester City e al Galatasaray, gradirebbe tornare ad allenare all’estero. La società di San Pietroburgo, col ritorno del presidente Sergey Fursenko, è pronta a fare un’offerta per portare l’ex tecnico dell’Inter in Russia, il quale potrebbe diventare il secondo allenatore italiano a guidare lo Zenit dopo l’esperienza di Luciano Spalletti tra 2009 e 2014.

Condividi