Maurizio Ganz: «Mancini e Mihajlovic gli uomini giusti. Sul mercato…»

5
© foto www.imagephotoagency.it

L’ ex di Inter e Milan ci dice la sua nell’ anno del riscatto delle milanesi

Tra Milan e Inter il derby è già iniziato. Il primo atto della stracittadina è andato in scena sul mercato, con i nerazzuri che sono riusciti ad assicurarsi Geoffrey Kondogbia, in attesa del primo faccia a faccia sul campo, che si terrà il prossimo 25 luglio nello stadio Longgang di Shenzhen a Pechino, in occasione della tournèe cinese. Lì avremo un assaggio, vero e proprio, di serie A e si potranno cogliere le prime indicazioni sulla bontà delle due formazioni, ampiamente rinnovate in questa sessione di mercato. La redazione di calcionews24.com ha cercato di fare il punto sulle milanesi insieme ad un ex di entrambi i club, Maurizio Ganz.

 

 

Un suo giudizio sul mercato fatto fin qui da Inter e Milan?

«Le vedo entrambe bene e stanno spendendo. Il Milan soprattutto, che negli ultimi anni prendeva quasi esclusivamente giocatori a fine contratto, ora invece ha disponibilità economiche e sta prendendo calciatori mirati. Anche l’ Inter dovrà ritrovarsi, dopo un’ annata negativa al massimo, ma tutte e due si stanno muovendo bene e si stanno formando due squadre di buone livello».

 

 

Ci sono ancora reparti da migliorare?

«Credo che il Milan debba operare soprattutto nella fase difensiva, perché è stato il suo tallone d’ Achille negli ultimi tre anni. Per quanto riguarda l’ Inter, a mio avviso, manca ancora qualcosa in mezzo al campo. La quantità c’è ma forse necessità ancora di un po’ di qualità».

 

 

In casa Milan in questi giorni il nome che circola con più insistenza è quello di Romagnoli, la cui valutazione si aggira intorno ai 30 milioni di euro. Giusto secondo lei puntare su di lui, investendo una cifra così importante per un profilo così giovane?

«Non posso dire se sia giusto o sbagliato, ma sono della cifre veramente incredibili. E’ sicuramente un giovane che l’ anno scorso ha fatto bene, ma ha una valutazione veramente stratosferica».

 

 

Se Mancini sta continuando il lavoro iniziato sei mesi fa, per Mihajlovic siamo solo al nastro di partenza. Sono comunque, a suo parere, gli uomini giusti, nel posto giusto e al momento giusto?

«Credo di si e credo che Mancini sia la persona adatta per riportare l’ Inter ai vertici, così come lo è Mihajlovic per il Milan. Il serbo è un allenatore di carattere ed è probabilmente quello che serve adesso nello spogliatoio rossonero per portare di nuovo una mentalità vincente alla squadra».

Condividi