Milan, Bonaventura: «Voglio divertirmi»

57
bonaventura
© foto www.imagephotoagency.it

Lunga intervista concessa da Giacomo Bonaventura, centrocampista del Milan. Ecco le sue parole

Giacomo Bonaventura, centrocampista del Milan, si è concesso ai microfoni per una lunga intervista: «La partita con il Torino? Vincere fa sempre bene, siamo contenti della nostra partita – ha spiegato il calciatore a Milan TvOra dobbiamo migliorare, ma già si vede ciò che proviamo a fare in campo: la nostra è una mentalità propositiva, dobbiamo continuare in questo modo. Andiamo a Napoli convinti di poter fare bene e soprattutto convinti delle nostre idee. Il mio ruolo? Sono un centrocampista offensivo e mi metto a disposizione dei miei compagni. Ho giocato molte partite da esterno del 4-4-2, tante altre da interno. Non mi è per nulla nuova, c’è una bella idea di gioco da parte di Montella. Io allenatore? Un giorno mi piacerebbe, ma non ci penso: ora l’unico pensiero è giocare. Montella? Il suo è un modo diverso di giocare rispetto a quello degli ultimi anni, c’è voglia di attaccare il pallone. E’ un allenatore che fa giocare molto bene le sue squadre. Il nostro obiettivo è fare ottime prestazioni»

LE DICHIARAZIONI – «Il nuovo numero? Il 5 è un numero da centrocampista difensore, mi piaceva. Si è liberato e volevo prenderlo. Donnarumma? Abbiati lo conosce molto bene, lo ha aiutato molto con i suoi consigli. E’ giovane, ha il futuro dalla sua parte: può solo migliorare, deve continuare così. I calci piazzati e i dribbling? Per i primi mi alleno. Per quanto riguarda i dribbling, invece, dalla mia posizione posso farlo: giocando più vicino al centro ho più possibilità di tirare. Gli obiettivi? Voglio divertirmi. L’anno scorso è stata dura. Spero ci sia una bella atmosfera. Dobbiamo crearla tra noi calciatori e trasferirla ai tifosi. Sono molto fiducioso perché abbiamo valori importanti ed un grande allenatore, dobbiamo solo lavorare».

Francesco Toscano
Francesco Toscano, o semplicemente "Tosky", del 1991, campano. Amante del calcio e di tutte le storie che lo circondano. Un solo sogno: "Kaizoku-ō ni ore wa naru!".
Condividi
Articolo precedente
giaccherini napoliNapoli, ag. Giaccherini: «In panchina a Palermo»
Prossimo articolo
Napoli De Laurentiis calciomercatoNapoli: perché Zaza sì e Gabbiadini no, o nessuno dei due