Milan, Niang: «Non sono inamovibile, devo migliorare»

46
Niang milan
© foto www.imagephotoagency.it

Tutta l’umiltà di Niang, titolare inamovibile al Milan ma con ampi margini di miglioramento, parole sue. Passaggio sul derby e la scommessa di Suso

Risolti i problemi fisici e comportamentali che ne hanno rallentato la crescita, M’Baye Niang è ora uno dei titolarissimi del Milan. Il francese è diventato un calciatore insostituibile per Vincenzo Montella, complice le scarse alternative ma soprattutto l’alto livello delle sue prestazioni. Il classe ’94 tuttavia non si monta la testa, come spesso capita ai suoi coetanei: «Non sono e non mi sento inamovibile, perciò continuo a lavorare bene e dare le risposte che vuole il mister. Se voglio giocare e continuare ad alti livelli devo lavorare sodo, sono giovane e voglio crescere: devo imparare molto magari dai giocatori più esperti con cui mi alleno», ha dichiarato a Milan Tv.
IL DERBY SECONDO NIANGUn passaggio scontato poi sul derby di domenica scorsa, sfumato all’ultimo respiro: «Grande partita in un bellissimo ambiente, i nostri tifosi sono stati fantastici, i migliori al mondo. Peccato aver preso gol all’ultimo secondo, su questo dobbiamo migliorare molto. L’Inter resta una squadra fortissima, ora dobbiamo subito riscattarci ad Empoli. Abbiamo ampi margini di miglioramento ma la classifica già ci sorride. Suso? Non ha mantenuto la parola ed è tornato in macchina, anche perché pioveva. Lui è giovane come me ed ha bisogno di fiducia per rendere al meglio».

Condividi