Milan – Sino Europe Sports: si va avanti tra dubbi e ottimismo

105
© foto www.imagephotoagency.it

Milan – Sino Europe Sports, le ultime notizie portano a quattro scenari diversi. Intanto i cinesi non sembrano dare adito alle dichiarazioni di Silvio Berlusconi

Milan a Sino Europe Sports, si va avanti nonostante le parole di Silvio Berlusconi. Le dichiarazioni del Cavaliere sono state prese dal fronte cinese come dettate dall’euforia del derby e pare impossibile che Berlusconi possa ritagliarsi un ruolo di presidenza operativa e non onoraria. Li Yonghong, una delle figure a capo di Sino Europe, non sembra intenzionato a un Berlusconi “potente” anche se al momento le preoccupazioni sono altre. La domanda che l’ambiente si sta ponendo riguarda i 420 milioni di euro per il closing e sono in tanti a chiedersi se Li li abbia veramente o meno. Non è chiaro infatti se al gruppo si siano aggiunti i 23 soci previsti nel piano originario o meno.

MILAN – SINO EUROPE SPORTS, LE ULTIMISSIME – Sino Europe, qualora ci fossero ritardi sulle autorizzazioni, sta pensando a un piano B: finanziamenti dalle banche europee per Rossoneri Sport Europe, la holding che controllerà il Milan con sede in Lussemburgo. Stando a La Gazzetta dello Sport il closing non può slittare ulteriormente perché si rischierebbe anche una penale: il rinvio potrebbe essere concesso da Fininvest solo in casi eccezionali, vedi i ritardi nelle autorizzazioni dalla Cina. Infine c’è un altro scenario, a dir poco clamoroso, quello dello stop alle trattative come successe un anno fa con Bee Taechaubol. i cento milioni di euro versati come caparra però sembrano un indizio importante affinché non salti tutto.

Condividi