Monchi “portafortuna” della Roma nel derby

monchi roma
© foto www.imagephotoagency.it

Monchi si è già preso la Roma: full immersion lavorativa e amuleto in vista della stracittadina della Capitale

C’è curiosità intorno alla figura di Monchi, nuovo direttore sportivo della Roma, che la società potrà tesserare a tutti gli effetti, dopo aver ottenuto una deroga dalla Federcalcio per equipararlo ai ds diplomati a Coverciano. Nel frattempo lo spagnolo, come scrive Il Corriere dello Sport, è in piena full immersion: giovedì il colloquio per Kessiè, presenza costante nell’ufficio di Trigoria che fu di Sabatini e corso intensivo per imparare la lingua italiana. Monchi ha voglia di integrarsi in fretta e fare gioco di squadra con Ricky Massara, suo braccio destro in questi primi giorni romani, non farà altro che accorciarne i tempi di inserimento. Domani entrerà allo stadio Olimpico, per la prima volta, da direttore sportivo dei giallorossi ma l’impianto sportivo romano non è nuovo per l’ex portiere: Monchi, infatti, partecipò al trofeo Osama che vide affrontarsi la Lazio e il suo Siviglia. Si tratta di un vero e proprio “uomo derby”, il motivo è presto detto: da dirigente del club andaluso, ha vinto ben 17 derby di Siviglia, ottenendo poi 12 pareggi e 5 sconfitte contro il Betis Siviglia. Numeri che il ds e la Roma sperano che replichi nelle più calde stracittadine della Capitale.

Condividi