Montella: «Bacca deve dare di più. Palermo? Guai a sottovalutarlo»

95
© foto www.imagephotoagency.it

Vincenzo Montella, allenatore del Milan, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia dell’incontro di Palermo. Le sue parole

Le dichiarazioni in conferenza stampa di Vincenzo Montella alla vigilia di PalermoMilan, sfida in programma domani al Renzo Barbera e valida per la dodicesima giornata di Serie A: «Vicende societarie? La squadra deve rimanere fuori da queste vicende, deve rimanere isolata e siamo stati molto chiari all’inizio riguardo questo argomento. Quella con il Palermo è una gara insidiosa non solo per Diamanti, un giocatore che conosco molto bene per averlo allenato. Domani affrontiamo una squadra che ha delle idee, anche se le sta portando avanti con fatica. E se non hai il massimo dell’aggressività rischi di fare una brutta figura. Dovremo scendere in campo con convinzione, senza sottovalutare l’impegno».
LE DICHIARAZIONI – Prosegue Vincenzo Montella: «Niang? Non ci sarà e sicuramente ci manca uno con le sue caratteristiche. Possiamo alzare Bonaventura forzare Luiz Adriano, avanzare Mati o spostare uno tra Honda e Suso, sono queste le opzioni. Casting Inter? Ormai si fanno da diversi anni perché una società prima di prendere un allenatore parla con 4-5 tecnici. Giovani in campo? Per farli giocare devi avere giovani forti, perché in Italia si chiedono subito i risultati, noi ne abbiamo forti e hanno dimostrato di poter giocare in questa squadra. Pasalic? Ha grande considerazione, la mia considerazione nei suoi confronti è alta ed è cresciuto molto nelle ultime settimane. Bacca? Deve fare quello che sa fare meglio e la squadra deve metterlo nelle migliori condizioni. Forse lui deve fare qualcosina in più. Sarebbe importante vincere prima della sosta. Domani voglio vedere l’atteggiamento e l’interpretazione della gara più che il risultato. Berlusconi? Mi chiama e mi fa piacere. Non ricordo dettagli però dà sempre spunti per migliorare la situazione attuale».

 

Condividi