Napoli: Milik, il nuovo idolo

47
napoli - bologna mazzarri de laurentiis
© foto www.imagephotoagency.it

A Napoli sta nascendo una nuova stella: Arkadiusz Milik, attaccante polacco di soli 22 anni: questa la sua storia

Dopo l’addio turbolento e non digerito di Gonzalo Higuain, i tifosi del Napoli hanno trovato un nuovo beniamino: si tratta di Arkadiusz Milik, o semplicemente Arek, attaccante polacco di soli 22 anni. L’ex Ajax ci ha messo poco ad entrare nel cuore dei partenopei e l’ha fatto a suon di goal: già quattro, infatti, sono le reti segnate dal polacco in sole tre partite da titolare con la casacca azzurra. Numeri importanti che stanno man mano allontanando il fantasma del Pipita.

MA CHI E’ MILIK? – Il neo attaccante partenopeo è nato a Tychy, a 20 Km da Katowice, nella Slesia superiore.  Comincia a giocare nel Gornik Zabrze, che gli permette di non allontanarsi da casa. L’avventura con il club polacco termina presto, dopo 38 presenze e 11 goal messi a segno. La sua carriera continua in Germania, prima al Bayern Leverkusen, dove gioca pochissimo, poi all’Augsburg, dove mette insieme 18 presenze, segnando due goal. Il salto di qualità avviene in Olanda, con la maglia dell’Ajax e sotto la guida dell’attuale tecnico dell’Inter, Frank de Boer. Con i lancieri gioca due anni e colleziona 75 presenze condite da ben 47 goal, facendo meglio così di tanti grandi attaccanti che hanno vestito la maglia dell’Ajax. Intanto diventa famoso anche in patria soprattutto per un goal segnato alla Germania nell’autunno del 2014, che consente alla Polonia di battere per la prima volta i tedeschi in una partita ufficiale. Quest’estate passa al Napoli ed il resto è storia…

Francesco Toscano
Francesco Toscano, o semplicemente "Tosky", del 1991, campano. Amante del calcio e di tutte le storie che lo circondano. Un solo sogno: "Kaizoku-ō ni ore wa naru!".
Condividi
Articolo precedente
defrel sassuolo formazioni genkSassuolo, Defrel: «Siamo stati bravi»
Prossimo articolo
sassuolo defrel europa league genkDefrel: «Ora inizieranno a conoscere il Sassuolo»