Napoli ‘oro’: dal 2004 il valore della squadra si è decuplicato

mertens callejon insigne napoli
© foto www.imagephotoagency.it

Napoli: il valore della squadra e della società di De Laurentiis, dal 2004, si è decuplicato: 300 milioni il valore dell’attuale organico

Napoli, dall’inferno della C1 all’oro della Serie A. La società azzurra, acquisita per 30 milioni nel 2004, ne vale oggi 300. Come riportato dal Corriere dello Sport, l’atto d’ acquisizione del club azzurro fallito è datato 6 settembre 2004, mica poi tanto tempo fa. Un salto nel vuoto? No, anzi, l’inizio di un ciclo che resiste che ha decuplicato il proprio patrimonio; come ripreso dal sito specializzato transfermarkt, oggi il Napoli è una squadra di campioni e fuoriclasse che vale, per la precisione, poco più di 332 milioni. De Laurentiis è arrivato in un mondo che non gli appartiene, le sue prime scelte aziendali fecero storcere il naso a molti. Poi, una filosofia societaria che non ha avuto nè deroghe nè rinunce ha portato il Napoli ad essere quello che è ogggi, coi suoi ‘gioielli’: da Mertens a Zielinski, da Diawara e Insigne passando per Rog, tutti ‘fratellini’ del veterano Hamsik, ma anche successori di Cavani, Lavezzi, Quagliarella, Inler, Higuain. La storia, ‘questa’ storia’ ricominciò senza maglie e senza palloni a Paestum, 13 anni fa; ora arriva fino a Napoli-Fiorentina, una partita che sa di Champions, anche se fosse solo un’illusione. Una cavalcata lunga tredici anni, divisa in vaerie tappe: dal tandem Marino-Reja a quello Bigon-Mazzarri; fino ai giorni nostri, con Giuntoli-Sarri. Una storia in evoluzione, Napoli non smette di sognare.

Condividi