Nicola, nel nome del figlio: «Vincerò ancora per lui»

nicola crotone atalanta
© foto www.imagephotoagency.it

L’allenatore del Crotone ha iniziato la sua scalata verso Torino. Nicola ha parlato del suo magico anno e anche del futuro

Il Crotone ha raggiunto una insperata salvezza grazie allo straordinario lavoro della società e di Davide Nicola. I rossoblù non hanno mai screditato l’allenatore che ha potuto lavorare in tutta tranquillità, in un ambiente ideale. Il tecnico del Crotone ha perso il figlio diversi anni fa e il tecnico, dopo la salvezza, a mente fredda, ha scritto una splendida lettera proprio a suo figlio. Nicola è stato intervistato dal “Corriere dello Sport” e ha parlato di quel momento: «La lettera è nata di getto. Io ho metabolizzato, con dolore e fatica, e ho capito e sono assolutamente cosciente di quello che è successo a mio figlio, ma non lo vivo come una sospensione dell’essere. Lo vivo come un dato di fatto, purtroppo è accaduto a mio figlio e accade ad altri».

ANCORA NICOLA – Prosegue l’allenatore: «Era il suo tempo di vita, non conosco ancora quale sarà il mio, il suo era quello e in quel tempo che mi ha dato io sono stato molto felice e ho imparato tantissimo da lui. Da lui ho imparato soprattutto tre cose: a capire che si può essere contenti senza un reale motivo, ad essere sempre occupati con qualcosa, perché poi di fatto i ragazzi ti danno questo e a pretendere con ogni forza ciò che tu veramente desideri». Nicola ha poi parlato del futuro: il Crotone gli ha offerto il rinnovo ma lui deciderà con calma. Intanto è iniziato il ‘famoso’ viaggio da Crotone a Torino in bici. Avrà tempo per pensarci.

Condividi