Nocerino: «In Italia non ho trovato progetti interessanti»

63
osvaldo
© foto www.imagephotoagency.it

Antonio Nocerino spiega la scelta di abbandonare la Serie A e confrontarsi con il calcio statunitense. Una decisione dettata dalla voglia di vivere un’avventura diversa insieme alla sua famiglia, ma anche dalla mancanza di progetti interessanti in Italia

DAL CALCIO AL SOCCER – Quella di Nocerino è sempre stata una carriera nomade, un collage composto da una dozzina di maglie diverse in Italia e con in mezzo un’esperienza inglese con il West Ham. Stavolta il viaggio è stato più lungo, ad attraversare l’Atlantico per ritrovare l’ex compagno Kakà, stavolta non con i colori del Milan ma dell’Orlando City. Un campionato diverso, un mondo diverso dove mettersi in gioco a trent’anni suonati.

LE RAGIONI – Intervistato da Sky Sport, il centrocampista napoletano ha raccontato i perché di un cambiamento così drastico, sospesi fra la voglia di nuove opportunità e l’amarezza per il panorama nostrano. Queste le sue parole: «Ho voluto provare un’esperienza nuova, avere l’opportunità di una nuova lingua anche per quanto riguarda i miei figli. Qui devi abituarti un po’ alla loro idea di calcio, ma ora, grazie anche al nuovo allenatore, ci troviamo meglio e le cose stanno funzionando. In Italia non ho trovato nessun progetto interessante, che potesse piacermi davvero».

Condividi