Osti: «Contento della Sampdoria. Arbitri? Gli errori capitano»

36
osti
© foto www.imagephotoagency.it

Carlo Osti, direttore sportivo della Sampdoria, ha parlato dell’avvio di stagione dei suoi e anche degli errori arbitrali

Grande avvio di stagione per la Sampdoria di Carlo Osti. Il direttore sportivo doriano ha elogiato i suoi e ha affermato: «Sono contento di come la Sampdoria ha affrontato la gara, perché non era una sfida facile e affrontavamo una squadra che ha obiettivi importanti in un campo difficilissimo. Abbiamo fatto una gran gara nella prima frazione di gioco, poi nel secondo è cambiata completamente, ma io sono soddisfatto. Potevamo prenderci un punto ma non è quello il problema, la Sampdoria ha reagito bene e ha fatto una grande partita».

IL GIUDIZIO DI OSTI – Sempre Osti ha parlato di questo inizio stagione: «Siamo consapevoli che abbiamo cambiato tanto e che la nuova Sampdoria è giovane e ricca di prospettive. Mi ha stupito questa squadra per come ha avuto un impatto subito positivo sul campionato, e questo è merito di Giampaolo. Più si lavora coi giovani con lui e più si ottiene. Pensavo ci potessero essere difficoltà all’inizio, ma mi sembra che ad oggi si possa parlare di una Samp organizzata con un’idea, che è quella del suo allenatore».

SAMPDORIA INCATTIVITA – Infine a Telenord Osti si è soffermato sugli errori arbitrali: «Col Milan vedremo una Sampdoria concentrata e incattivita. Abbiamo parlato serenamente con Pairetto, ci stanno gli errori in ogni cosa e dopo la partita ho detto che l’arbitro sarebbe stato giudicato dagli organi preposti, ma ci vuole serenitàSe partiamo così, rischiamo di creare problematiche fin dal primo momento. Ci è capitato questo episodio, che magari è stato un torto, ma può succedere».

Gianmarco Lotti
Giornalista sportivo toscano vivente, amante del calcio come cultura. Nel 2010 è stato inserito nella lista dei migliori calciatori nati dopo il 1989 stilata da Don Balón.
Condividi
Articolo precedente
candreva lazio interScambio di accuse tra Candreva e la Lazio
Prossimo articolo
bolingbrokeBolingbroke, addio Inter. Per Thohir c’è tempo