Zamparini: «Offerta Cascio non adeguata». Attesi i cinesi

74
© foto www.imagephotoagency.it

Palermo in vendita: Zamparini scarica per il momento Cascio, ma sono pronti nuovi incontri. Attesa in città a giorni una delegazione cinese

Diventa intrigante la vicenda riguardante la cessione del Palermo da parte del presidente Maurizio Zamparini. Come noto, almeno al momento, l’unico candidato ufficiale all’acquisto del club è l’italo-americano Frank Cascio, con cui però il presidente rosanero non sembrerebbe avere alcun accordo di massima. «Ho risposto a Cascio, non ritengo adeguata la lettera d’intenti che il suo gruppo aveva annunciato per presentare un’offerta – ha rivelato ieri Zamparini, come riportato da Tuttosport . Tuttavia siamo disposti ad andare avanti per vedere se sono davvero interessati». Di fatto al momento ci sarebbero ancora margini per l’accordo con l’ex impresario di Michael Jackson ed anzi sono previsti nuovi incontri con il suo entourage nei prossimi giorni. Di mezzo non ci sarebbero solo cifre, ma anche un piano che, almeno secondo molti, dovrebbe coinvolgere anche le infrastrutture della società rosanera.

PALERMO: ARRIVANO I CINESI – Proprio in questo senso, ma non ci sono conferme, un’offerta migliore potrebbe arrivare a Zamparini da una cordata cinese. Il numero uno rosanero ne aveva già parlato qualche tempo fa, definendo la cordata in questione più sostanziosa dal punto di vista economico e più organizzata: infatti i cinesi avrebbero un piano per lo sviluppo della società anche tramite la possibile costruzione di un nuovo stadio. Una delegazione cinese dovrebbe essere attesa a Palermo nei prossimi giorni secondo le ultime indiscrezione: il Palermo ad oggi attende un’offerta ufficiale o una lettera di intenti.

Michele Ruotolo
Classe '88, capo-redattore e responsabile editoriale di Calcionews24. Spesso mi contraddico.
Condividi
Articolo precedente
sousa-fiorentina-luglio-2016-ifaGenoa – Fiorentina: si studia la data. Prima della gara…
Prossimo articolo
genoa tifosi«Genoa – Fiorentina si poteva giocare». Era prevista… estate