Parma, Leonardi e Ghirardi inibiti per 5 anni

28
parma
© foto www.imagephotoagency.it

Il caos legato al Parma sembra essere arrivato ai titoli di coda: le quote sportive appartengono a soggetti diversi da quelli che operavano in Serie A, puniti dalla legge

Il fallimento del Parma ha colpito al cuore il calcio italiano, vista la storia del club emiliano: una squadra di provincia che era diventata grande portando alla ribalta grandi calciatori. L’epoca di Ghirardi è stata contraddistinta da un’iniziale positività per poi finire nel peggior modo possibile: dalla partecipazione alle coppe europee, poi negata, alla morte sportiva della società per le questioni economiche. E’ notizia di oggi che l’ex massimo dirigente è stato inibito per 5 anni dal Tribunale Federale Nazionale della Figc, con presidente Cesare Mastrocola. Con tanto di ammenda pari a 150.000 euro per il Presidente, invischiato nel dissesto economico – finanziario del club.

SANZIONI – Ghirardi non è, però, l’unico dirigente del Parma ad essere stato sanzionato: Pietro Leonardi, l’allora amministratore delegato della società, ha subito la stessa identica sanzione e la disposizione del divieto di permanenza in qualsiasi categoria della Figc. La giustizia sportiva ha, quindi, fatto il suo corso, estromettendo i due dal calcio professionistico. Nel frattempo il Parma Calcio 1913 prosegue la sua corsa verso il ritorno nella massima serie, il primo salto è stato fatto dalla Serie D alla Lega Pro.

 

Calcionews24
Un redattore di Calcionews24.
Condividi
Articolo precedente
honda-milan-settembre-2016Milan, Honda voleva il Barcellona
Prossimo articolo
inter - bolognaKrejci osservato speciale in Inter – Bologna