La ricetta di Parolo: «Con 68-69 punti Lazio in Europa»

serie a parolo
© foto www.imagephotoagency.it

Anche Marco Parolo ha incontrato i ragazzi dell’istituto Gassman e ha parlato della Lazio e della possibile qualificazione in Europa: l’ex cesenate sa cosa serve e indica la strada giusta

Non solo Lucas Biglia, anche Marco Parolo ha preso parte a un’iniziativa della Lazio per l’educazione al tifo e al calcio dei ragazzi all’Istituto Magistrale Statale Vittorio Gassman. Il centrocampista ha lodato l’iniziativa e si è detto entusiasta di poter aiutare i ragazzini a crescere. In seguito Parolo ha dichiarato: «Noi pensiamo ad allenarci e ad andare avanti. A Marassi ci siamo presi un punto importante e lo abbiamo ottenuto con la grinta giusta. Abbiamo capito che per batterci gli avversari devono sacrificarsi. Adesso però dobbiamo vincere più partite possibili e siamo in Europa matematicamente con sessantotto o sessantanove punti. Tra i miei compagni il più simpatico è Radu, vince facilmente nel dire le cavolate, con gli scherzi ce la battiamo. Cosa serve per diventare professionista? Tanta voglia di sacrificarsi, serve la testa per poter andare avanti. Conta l’obiettivo che si ha in mente, bisogna dare il massimo sempre. Il talento è una buona prerogativa ma poi bisogna che ognuno metta del suo e per farlo serve la giusta mentalità».

Condividi