Percassi: «Atalanta show. Gasperini pensavo fosse matto!»

164
© foto www.imagephotoagency.it

Un’Atalanta piena di giovani sta puntando all’Europa anche grazie al lavoro di Gian Piero Gasperini, e il presidente Antonio Percassi va in brodo di giuggiole

Antonio Percassi commenta la sua Atalanta: «Sta succedendo qualcosa di inimmaginabile». Il presidente della Dea è contento dell’andamento della squadra in Serie A, ma anche della crescita dei giovani nerazzurri e dell’approdo di molti tra nazionale A e Under 21. Il patron sa che la linfa vitale dell’Atalanta è il settore giovanile e per questo in passato ha puntato su Mino Favini, ancora nei cuori di chi frequenta Zingonia. «Gasperini è il tecnico giusto al momento giusto, è il mago dei giovani anche se prima di Atalanta – Napoli pensavo fosse matto» afferma Percassi, il quale si dilunga in elogi su Mattia Caldara e Roberto Gagliardini.

PERCASSI E LA SUA DEA – Ai giovani dell’Atalanta hanno fatto comodo le esperienze in prestito secondo il presidente, rimasto stupito soprattutto da Gagliardini. Si parla anche di calciomercato e di Maxi Moralez e di de Roon, ceduti nelle ultime due sessioni contro il volere di molti ma proprio da quegli addii l’Atalanta ha ricevuto i soldi necessari per poter puntare anche sui giovani. A proposito di cessioni, ecco cosa dice su Alejandro Gomez: «Non si tocca, è fondamentale per noi». Parlare con i fatti, dice Percassi a Il Corriere dello Sport, e in chiusura si lancia in qualche piccola promessa per il futuro: «Obiettivo salvezza prima di tutto. Poi vogliamo lo stadio, va comprato e ristrutturato. Infine voglio rendere felici i tifosi, vogliono l’Europa e condivido il loro entusiasmo».

Condividi