Perisic verso il Manchester United: c’è l’accordo col giocatore

Perisic - Inter
© foto www.imagephotoagency.it

Inter, è tempo di vendere. Ivan Perisic pare sempre più vicino al trasferimento in Premier League, alla corte di José Mourinho al Manchester United. Il giocatore ha detto sì – 28 maggio, ore 9.20

Ivan Perisic ha detto sì, o meglio, avrebbe detto sì. Il Manchester United è in vantaggio rispetto al Paris Saint Germain e al Chelsea nella corsa al laterale dell’Inter e nel prossimo calciomercato potrebbe concludersi l’affare. I nerazzurri hanno individuato nel croato la pedina da sacrificare per aumentare il tesoretto da spendere per gli acquisti, per questo la corte di Mourinho potrebbe diventare qualcosa di più nei prossimi giorni. L’accordo tra il Man Utd e il numero quattro è già stato raggiunto, adesso i Red Devils avranno il compito di trovare un punto d’incontro con l’Inter.

Perisic verso il Manchester United: i dettagli

Pare sia proprio Perisic il big “sacrificato” sul mercato per rimettere a posto i conti e operare più serenamente in estate. La notizia arriva da Premium Mediaset che fornisce anche i dettagli economici della trattativa. A sorpresa, non sarà il Paris Saint Germain ad aggiudicarselo, nonostante la ricca offerta presentata dal facoltoso club francese. L’avrebbe spuntata il Manchester United, infatti. Mister Mourinho, nel mese di marzo, infatti, stando ai retroscena avrebbe raggiunto il forte esterno d’attacco a Zagabria per convincerlo a vestirsi di rosso. 45 milioni di euro più bonus la ricca proposta che lo United avrebbe fatto recapitare sulle scrivanie del club neroazzurro. Cifre che fanno rima con plusvalenze, visto che il calciatore arrivò, 2 anni fa, per 20 milioni all’incirca. I soldi poi verranno reinvestiti per potenziare la rosa interista in vista della prossima stagione, allenata, presumibilmente, da Luciano Spalletti. Sono 4, al momento, i nomi in ballo per sostituire l’ex calciatore del Borussia Dortmund: James Rodriguez, Angel Di Maria, Federico Bernardeschi e Domenico Berardi. I primi due dal forte richiamo internazionale, con palmares e ingaggi top, gli ultimi due, invece, senz’altro, più giovani e di prospettiva.

Condividi