Pjanic: «Contento di tornare a Lione ma voglio vincere»

103
juventus - olympique lione
© foto www.imagephotoagency.it

Miralem Pjanic, centrocampista della Juventus, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della trasferta di Lione affrontando vari temi

Miralem Pjanic, centrocampista della Juventus, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Lione – Juve. Queste le sue parole: «Sono felice di essere qui e voglio fare i miei complimenti alla società per questo nuovo stadio. Sono contento di tornare, Lione è stata importante per la mia carriera, ho passato 3 anni importanti qui e sono felice di riabbracciare tanti amici. Fekir – Lacazette? Sono dei giocatori con grandi qualità e sappiamo che la sfida di domani non sarà semplice. E’ vero che il Lione non sta attraversando un buon momento ma so come vanno le cose qui e in genere questi periodi non durano a lungo. Noi dobbiamo dare il massimo per vincere e per ottenere poi il passaggio del turno. Fekir e Lacazette sono pericolosi ma noi faremo di tutto per mettere il Lione in difficoltà e per vincere».

IL COMMENTO – Prosegue «Sono passati 6 anni dall’ultima volta, è passato tanto tempo. Sono più maturo e questo mi permette di dare il massimo per la Juventus e l’unica cosa che realmente mi interessa è dare il massimo per la mia squadra. Gli errori di Buffon? E’ il nostro capitano, è il numero uno al mondo. Non penso che stia passando un cattivo periodo, in una carriera ci sono alti e bassi, lui è tranquillo e noi non abbiamo nulla da dirgli. Io sto bene. Punizioni? Vediamo in che zona arriverà, Dybala sicuramente le calcia bene, l’importante è che la squadra possa contare su buoni tiratori. Difficoltà delle squadre francesi? Le partite della Champions sono dure e selettivi e se facciamo eccezione per il PSG il calcio francese ha conosciuto delle difficoltà. Il PSG ha una grande esperienza ma anche il Lione può andare avanti e il presidente ha le idee chiare. La doppia sfida con il Lione è importante perché saranno la terza e la quarta partita e può essere molto importante. Ora però pensiamo a domani ed è importante fare un risultato positivo. Io proverò sempre a dare una mano al gruppo, alla società per raggiungere i nostri obiettivi. Sono arrivato quest’anno e tutti stiamo dando una mano».

Condividi