Quaresma: la rinascita in Turchia, con i tifosi del Besiktas è amore vero

110
quaresma-shock besiktas
© foto www.imagephotoagency.it

Da flop in maglia nerazzurra a idolo di casa Besiktas, in mezzo l’esperienza a Dubai e il ritorno in Europa con il Porto. Stasera scenderà in campo contro il Napoli, la squadra di Sarri è avvisata, occhio al portoghese

Ricardo Quaresma, un nome che ci certo dalle parti della Pinetina, non riescono ancora a dimenticare. Moratti aveva sborsato ben 38 milioni pur di portarlo alla corte di Mourinho. La trivela è il suo marchio di fabbrica, ma in maglia nerazzurra sono più i flop che le belle prestazioni. L’Inter vince tutto nel 2010, ma Quaresma è fuori dagli schemi del tecnico portoghese, così a fine stagione il “trivela” trova l’accordo con il Besiktas, il presidente Fikter gli offre un contratto da 3 milioni e 750 mila euro netti a stagione. Dalle parti di Istanbul la trivela diventa un vero e proprio dogma, i tifosi lo amano, addirittura s’impennano gli acquisti dell’Audi Q7, la sua sigla. In campo però, il portoghese non riesce ad esprimersi al meglio, cosa che invece riusciva all’interno delle discoteche, dove insieme all’amico Guti, ex Real Madrid, erano diventati degli idoli da idolatrare. L’ingaggio è alto, così la società decide di venderlo e Quaresma va a Dubai.

IL RITORNO IN EUROPA – Il primo gennaio del 2014, Quaresma fa rientro in patria e con il Porto mostra le sue vere qualità. Sembra un altro giocatore, trascina la sua squadra a conquistare i quarti di Champions League. Inizialmente gioca praticamente sempre, offrendo spesso grandi prestazioni. Ad un certo punto, dopo qualche panchina, Quaresma mostra il carattere fumantino e chiede al presidente Fikter di tornare al Besiktas.

LA RINASCITA DEL TRIVELA – Ricardo non ha dimenticato l’affetto dei tifosi, la città, la squadra, e stavolta vuole fare sul serio, vuole essere l’uomo in più della squadra, anche le condizioni contrattuali cambiano, il portoghese vuole che sia lo stesso presidente a decidere l’ingaggio. Quaresma torna e lo fa per davvero: riporta lo scudetto tra le mani del Besiktas, dopo 7 anni d’astinenza, vince con il Portogallo i campionati europei di Francia 2016, ed anche in Champions sta facendo vedere il proprio valore, gol decisivo contro la Dinamo Kiev, due assist nella partita d’andata contro il Napoli, miglior giocatore della seconda giornata per l’Uefa. Stasera Quaresma scenderà in campo contro gli azzurri, e sarà l’osservato numero 1 per la retroguardia partenopea, perchè Quaresma non è più quello del 2010, Quaresma è un altro calciatore, Quaresma è rinato.

 

Condividi