Quelli che il calcio: Pardo e Satta ospiti di Savino, è polemica

252
melissa satta
© foto Melissa Satta

Quelli che il calcio: ospiti su Rai 2 Pierluigi Pardo e Melissa Satta, padroni di casa di Tiki Taka, in onda sulla concorrenza Mediaset. Polemica del comitato di redazione dei giornalisti di Rai Sport: la nota

È bastata una ospitata televisiva per far insorgere i giornalisti di Rai Sport nei confronti della trasmissione televisiva “Quelli che il calcio”, condotta anche quest’anno da Nicola Savino. Il nodo del contendere è l’ospitata di ieri, 27 novembre 2016, nell’ormai storica trasmissione della domenica pomeriggio di Rai 2 che si occupa di seguire le partite della giornata calcistica, del giornalista Mediaset Pierluigi Pardo e della showgirl Melissa Satta, padroni di casa di un’altra trasmissione televisiva che si occupa di calcio, “Tiki Taka”, in onda ogni lunedì in seconda serata su Italia 1 da ormai circa quattro anni. Proprio il fatto che Savino abbia voluto invitare dei professionisti sotto contratto con la diretta concorrenza ha sollevato non poche polemiche da parte del comitato di redazione di Rai Sport, che ha accusato direttamente il conduttore della trasmissione di aver voluto fare pubblicità gratuita ad un programma di Mediaset levando invece spazio ai giornalisti Rai. QUELLI CHE IL CALCIO: IL COMUNICATO DEL CDR RAI – Nel comunicato del CdR si legge: «Il CdR di Rai Sport e il Fiduciario di Milano ritengono inaccettabile che all’interno delle trasmissioni Rai vengano ospitati ed abbiano anche la possibilità di promuovere le proprie trasmissioni giornalisti e conduttori della concorrenza. Cosa che si è verificata nella puntata odierna di Quelli che il calcio con Pierluigi Pardo e Melissa Satta di Mediaset. È un fatto grave che denunciamo e respingiamo con forza, se si considera anche che il conduttore Nicola Savino lo ha pure sottolineato nel consueto lancio in chiusura dell’edizione delle ore 13 del TG2, che non solo va contro gli interessi e danneggia la credibilità dei giornalisti e dei conduttori di Rai Sport, che per essere ospitati e promuovere nostre trasmissioni devono chiedere sempre specifica autorizzazione che spesso viene negata, ma più in generale va contro gli interessi dell’azienda. Vorremmo inoltre sapere se i colleghi della concorrenza abbiano percepito un gettone di presenza per partecipare alla trasmissione “Quelli che…”»

Condividi