Raggi avverte la Juventus: «Il Monaco ha un conto in sospeso»

monaco juventus mendy
© foto www.imagephotoagency.it

Il sorteggio di Champions League dice Monaco contro Juventus, una partita speciale per Andrea Raggi, difensore italiano emigrato cinque anni fa: le ultimissime e le dichiarazioni

Andrea Raggi gioca nel Monaco da cinque anni e si troverà la Juventus davanti in semifinale di Champions League. I monegaschi sognano la vittoria e l’italiano sa che il sorteggio è stato molto tosto: «La Juve è meglio di due anni fa ma anche noi siamo cresciuti. Penso sia l’occasione giusta per rifarci, in palio c’è la finale. Due anni fa erano contenti di averci pescato, ora non lo so. Abbiamo un conto in sospeso». Per il difensore è destino incrociare la Vecchia Signora, lui che viene da una famiglia di juventini ma ammette di aver tifato Inter. Ai tempi del Bologna inoltre segnò alla Juventus in Coppa Italia e la fermò pure in un paio di circostanze. Nel 2014 il Monaco aveva una squadra giovane e ribelle e ora non guarda in faccia a nessuno, prosegue il giocatore dei biancorossi che si lancia in grandi elogi di Falcao e pure di Mbappé definendolo un fenomeno vero che non si farà destabilizzare dalla pressione. «La Juventus ha una difesa incredibile, poi Higuain e Dybala, che toglierei volentieri» continua Raggi, che poi a La Gazzetta dello Sport si sofferma sulla ricetta del Monaco per far crescere i propri giovani. Il difensore dei monegaschi conclude così: «Qui da noi i ragazzi possono sbagliare, hanno fiducia lo stesso. Jardim è uno coraggioso. Futuro? Ho un contratto fino al 2018 ma sono in parola col presidente per rinnovarlo».

Condividi