real madrid bale sorteggi champions league

Il gallese supersonico non sta nella pelle per il girone dei Galacticos che, da campioni uscenti, dovranno giocarsela con Borussia Dortmund, Sporting e Legia Varsavia. Allo stesso tempo Gareth riserva parole dolci per Madama e ripensa con orgoglio all’impresa del suo Galles a Euro 2016

Esattamente cinquanta giorni fa Gareth Bale se la vedeva con il suo attuale compagno di squadra Cristiano Ronaldo nella prima semifinale dell’Euro francese. Ora invece eccoli qui, nuovamente uniti dalla camiseta blanca, a commentare il sorteggio del loro Real Madrid nella solita calca del Grimaldi Forum, teatro ultra-chic del Principato di Monaco e sede dei sorteggi della Champions League 2016/2017. Ai Galacticos non è andata male (e comunque i campioni in carica restano sempre loro…) visto che nel loro gruppo F il Borussia Dortmund di Tuchel è in costante ricostruzione mentre Sporting Club De Portugal e Legia Varsavia sono avversari da tenere in considerazione esclusivamente per non considerarli umili sparring-partner di turno.

Bale, intercettato in mixed zone, è partito proprio da qui adoperando toni diplomatici, ma anche non vedendo l’ora di rigettarsi nella mischia correndo come un pazzo per tutto il campo di gioco: «Sì, abbiamo beccato un girone sicuramente eccitante. D’altronde questa è la Champions è ogni gruppo è differente dall’altro pur mantenendo un altissimo grado di competizione. Non mi interessa dire chi ci darà più grattacapi perché, nel gruppo F, ci sono avversarie di assoluto rispetto. Preferisco di gran lunga parlare il meno possibile e cominciare ad affrontarle una dietro l’altra.». L’attesa sarà breve: il Real Madrid debutterà il prossimo 14 settembre contro lo Sporting. Alias CR7 contro il suo passato remoto e la sua estrema giovinezza. Affascinante.

Il discorso viene spostato da un collega italiano sulla Juventus che, dopo anni di delusioni europee, quest’anno pare davvero aver voglia di fare la voce grossa dentro quelle bramate “grandi orecchie”. Favorita anche da un girone H che non è esattamente impossibile nonostante la presenza ingombrante del Siviglia cannibale in Europa League. Anche se Olympique Lione e Dinamo Zagabria non paiono colossi insormontabili per Higuain e compagni. Che ne pensa il numero 11 del Galles« Beh, la Juventus è andata in finale – battendo proprio noi ad un passo da Berlino – non più tardi di due anni fa… (sorride) La critica dice che ha fatto un ottimo mercato e per me resta una squadra fortissima se non di più. Sarà una bella sfida anche con loro se il sorteggio ci farà mai incontrare.». Come forte e sorprendente è stata la nazionale biancorossa agli scorsi Europei. Già nostalgico di quei bei giorni francesi, Gareth? «Più che nostalgico, orgoglioso. Noi gallesi abbiamo fatto un torneo bellissimo e, nonostante nessuno ci desse una chance alla vigilia, siamo arrivati fino in semifinale perdendo col Portogallo campione. Quando hai fiducia in te stesso, non ci vuol niente a stupire il mondo.». L’addetto-stampa del Real Madrid blinda il suo protetto e lo allontana dai microfoni. C’è un volo privato da prendere nel vicino aeroporto di Nizza. Venti chilometri scarsi da qui che questo Bale probabilmente si farebbe volentieri di corsa.