Restyling San Paolo: ecco come cambia la casa del Napoli

napoli - real madrid
© foto www.imagephotoagency.it

Andata in archivio la prima parte del restyling del San Paolo, ecco che società e Comune si apprestano a dare lo “start” alla seconda

Il restyling del San Paolo è l’argomento all’ordine del giorno in casa Napoli. Giochi di parole a parte, sono emerse novità importanti dalle pagine de Il Corriere del Mezzogiorno che ha intervistato l’assessore allo sport Ciro Borriello. Questo quanto emerso nel corso della one to one: «Seconda parte dei lavori? Questa parte sarà la vera sfida da non sbagliare. Seguendo le indicazioni della UEFA, dovremo svolgere i lavoro per i bagni degli altri settori e poi per i discussi sediolini. Il colore di questi ultimi sarà al 99% in azzurro. Quando avranno inizio? Per ottobre-novembre saremo pronti a impiegare le nostre forze per i lavori, abbiamo già pronte le procedure di gara. Avremo a disposizione 3.6 milioni di euro per i prossimi lavori e con i quali potremo cambiare i bagni e soprattutto rifare un’intera curva, facendoli sulla falsariga di quelli già fatti per la Tribuna Stampa. Con molta probabilità, da questi lavori, arriverà la riduzione della capienza dell’impianto che passerà da 62 mila a 54-55 mila. Convenzione SSC Napoli-Comune? Aspettiamo la fine dell’attuale stagione che ormai è ad un passo. Sarebbe inutile accelerare la procedura in questo momento, anche perché la Società sarà impegnata in queste ultime due partite che possono decidere ancora molto dell’attuale campionato. Concluso gli impegni, ci siederemo al tavolo e discuteremo, ma noi del Comune vogliamo porre fine alla questione al più presto».

Condividi