Supercoppa Primavera, Roma – Inter: sintesi e risultato

184
roma - inter
© foto www.imagephotoagency.it

Roma – Inter stavolta non è Dzeko contro Icardi, Spalletti versus De Boer. All’Olimpico di Roma si affrontano le squadre Primavera

La Roma di Alberto De Rossi arriva alla prestigiosa sfida con lo Scudetto cucito sul petto, mentre l’Inter di Stefano Vecchi da detentrice della Coppa Italia. Due team, giovani, che hanno già assaporato, quindi, il sapore della vittoria. Roma – Inter di stasera fa seguito a quella del 2 ottobre, sfida valida per il campionato Primavera che terminò 2 – 0 per i capitolini. Compagini che, attualmente, si fiancheggiano anche in classifica, visto il secondo posto nel girone C di entrambe.

STARTING ELEVEN – Mentre De Rossi senior ha fatto sapere di conoscere davvero bene i neroazzurri, Vecchi ha basato le sue considerazioni sui concetti di rispetto e guerra sul campo. Ecco gli undici titolari scelti per il big match:

ROMA (4-3-3): Crisanto; De Santis, Grossi, Marchizza, Pellegrini; Bordin, Frattesi, Spinozzi; Tumminello, Soleri, Keba
A disp.: Romagnoli, Petruccelli, Ciofi, Petruccelli, Cappa, Ciavattini, Anocic, Marcucci, Valeau, Tofanari, Franchi, Antonucci, Perfection. All. De Rossi

INTER (3-5-2): Di Gregorio; Gravillon, Vanheusden, Lombardoni; Bakayoko, Zonta, Miangue, Awua, Rivas; Butic, Pinamonti
A disp.: Dekic, Mangano, Nolan, Cagnano, Emmers, Danso, N’Diaye, Mattioli, Bollini, Carraro, Souare, Belkheir. All. Vecchi

Arbitro: Antonio Giua
Assistente 1: Davide Imperiale
Assistente 2: Lorenzo Abagnara
Quarto Uomo: Daniele Paterna

LA PARTITA – Dopo i primi 45 minuti di gioco, il risultato è fermo sull’1 – 0, decisivo Marchizza su penalty. Grande ripresa dei giallorossi che hanno battuto l’Inter con il punteggio di 4 a 0 portando a casa la seconda Supercoppa. Mattatore della ripresa Tumminello che ha realizzato una doppietta chiudendo praticamente la gara (il 2-0 realizzato dopo una bellissima azione corale, il tris con un colpo di testa da bomber di razza). Il sigillo finale è arrivato nei minuti finali con Keba, uno dei migliori in campo, che si è tolto la soddisfazione di realizzare il 4 a 0 definitivo dopo i numerosi km percorsi sulla fascia.

 

Condividi