Roma nata in Serie B: ecco un nuovo documento

604
© foto www.imagephotoagency.it

Roma nata in Serie B? La replica giallorossa agli sfottò dei tifosi della Lazio: i giallorossi avrebbero permesso la competitività della A grazie al proprio “sacrificio”. Biancocelesti non convinti, spunta un documento

La diatriba è nata ieri tramite un carteggio d’epoca svelato da Il Tempo che mostra inequivocabilmente come la fondazione della Roma sia avvenuta non solo anni dopo quella dei cugini della Lazio (cosa di per sé già nota), ma addirittura in Serie B, mentre i biancocelesti già militavano in massima serie. La Roma, fondata nel 1927, sarebbe stata solo successivamente ripescata in Serie A fino a diventare quasi un ventennio dopo la prima squadra campione d’Italia non settentrionale. La tesi giallorossa fornita oggi in difesa degli inevitabili sfottò laziali è però interessante: la Roma nacque in Serie B per evitare una Serie A meno competitiva, a conferma di ciò il fatto che già l’anno dopo la sua fondazione la Roma riuscì a conquistare la Coppa CONI (una sorta di odierna Coppa Italia) fino a sfiorare la vittoria dello Scudetto già nel 1931. Una tesi che però non convince ancora molto i laziali…

LAZIO RIPESCATA NEL 1929? UN DOCUMENTO… – Di più: i giallorossi controbattono che nel 1929 fu la Lazio ad essere la vera ripescata in Serie A, quando doveva giocarsi lo spareggio col Napoli ma, a causa di un pareggio, si decise di allargare il massimo campionato includendo entrambe le formazioni meridionali. A sostegno della tesi secondo cui la Lazio sarebbe però stata reputata sin dall’origine il club più importante della Capitale, i biancocelesti sfoderano un documento nel quale la Federazione dell’epoca (anni ’20) precisa come il campo della Rondinella, altro club capitolino, fosse dovuto essere assegnato alla Lazio in quanto club più prestigioso. La Roma invece giocava al Montevelodromo Appio.

AGGIORNAMENTO 15 OTTOBRE – Tramite una pagina di giornale de Il Messaggero datata 1927 (anno di fondazione della Roma), Il Tempo rilancia e conferma che la società giallorossa sia stata effettivamente fondata in Serie B, tramite la fusione di più società (inizialmente era previsto il coinvolgimento anche della Lazio, che poi si rifiutò di farne parte), dall’Alba, all’Audace, passando poi per Fortitudo e Pro Roma. Due di queste al momento della fondazione (Alba e Fortitudo) sarebbero state retrocesse (quando l’idea prese piede le due società erano ancora in massima serie): da qui la nascita della Roma in Serie B, salvo poi il ripescaggio della Federazione. Diverso invece il caso della Lazio nel 1929: i biancocelesti furono sì ripescati con il Napoli e la Triestina, ma molto probabilmente proprio per volontà della Federazione dell’epoca di dare una grossa alla squadra friulana. Un altro documento rivela come il campo della Rondinella, assegnato poi alla Lazio per una questione di prestigio, fosse stato prestato per qualche partita anche alla stessa Roma poi anni dopo.

Condividi