Roma, Sabatini: “Vucinic giocatore di livello”

9
© foto www.imagephotoagency.it

TORINO, 30 luglio – Ha provato a trattenerlo, fin dal suo arrivo a Trigoria. Alla fine però Walter Sabatini è stato costretto a cedere al volere di Vucinic: la Juventus. Il direttore sportivo della Roma aveva capito fin dall’inizio che l’impresa di tenere il montenegrino nella Capitale non era una cosa semplice: “Appena arrivato mi sono incontrato con Mirko, ci siamo parlati con molta serenità  cercando di vedere la situazione sotto altri punti di vista. Lui però ha uno stato d’animo diverso, legato ai problemi avuti con i tifosi“.

IL MOMENTO – Sabatini, prima della cessione alla Juve, pensava di far cambiare idea a Vucinic: “à? molto amareggiato -aveva detto a Teleradiostereo-Ã? ma lui è un campione. Ha delle soluzioni tecniche che in Europa le possono mettere in campo 5 o 6 giocatori. La caratteristica di Vucinic è l’imprevedibilità :Ã? quando arriva la palla a lui può succedere di tutto in qualsiasi zona di campo, gioca in controtempo. à? un calciatore con caratteristiche tecniche quasi confinanti con il soprannaturale“.

L’AMAREZZA – I tifosi della Roma non lo amavano più: “L’affetto dei tifosi è una necessità  fisiologica: si trasforma in adrenalina e per un calciatore come Vucinic lo è molto di più. La situazione di disistima lo ha fiaccato“. “Vucinic, così come Pastore, è un giocatore di grande livello tecnico, deve assecondare l’umore della gente. Lui non è ruffiano. C’era uno studio antropologico –riporta laroma24.com lo scrisse uno che non si occupava di calcio ma di un’altra materia, si chiamava Desmon Morris, ci sono delle posture del corpo che indicano sono un senso di sconfitta, di rinuncia eccetera… La gente senza aver letto Desmon Morris coglie queste cose qui“.

Fonte | Tuttosport

Redazione CalcioNews24
Dal 2009 il calcio che vuoi, quando vuoi.
Condividi
Articolo precedente
seedorf-applaude-milan-gennaio-2014-ifaMilan, su Finnbogason c’è anche il Villareal
Prossimo articolo
cn24Lazio, Matuzalem ha chiesto la cessione. Tre squadre sul brasiliano…