Roma – Sampdoria: hanno voluto riprendere le squadre

97
totti roma
© foto www.imagephotoagency.it

Roma – Sampdoria ripresa dopo quasi un’ora di alluvione: a spingere con l’arbitro perché la partita non venisse rimandata sono state le due società. Perfetto e molto veloce il drenaggio del terreno dell’Olimpico

Dopo circa un’ora di alluvione torrenziale, proprio quando la partita sembrava dover essere sospesa, RomaSampdoria si è ripresa. Quanto successo ieri ha pochi precedenti in Serie A, sebbene pienamente regolamentare. Di fatto, quando l’arbitro Piero Giacomelli ha interrotto la gara verso le 15 e 30, nessun giocatore pensava di poter tornare in campo: soffiava un vento fortissimo, c’era la grandine ed il campo da gioco era allagato. A spingere però affinché la partita, in un caso o nell’altro, si giocasse comunque, scrive stamane Il Secolo XIX, sono state proprio le due società: la Roma, che con un’agenda fitta di impegni non voleva recuperare una partita nel bel mezzo della stagione, ma pure la Sampdoria, che fino a quel momento era in vantaggio e che non ci stava proprio a rimandare una gara che poteva portare a casa. Così, alla fine, circa un’ora dopo, l’arbitro ha dato nuovamente il via alle ostilità: i blucerchiati alla fine hanno perso, i giallorossi hanno vinto. Questo è il destino.

ROMA – SAMPDORIA: L’OLIMPICO HA RETTO BENISSIMO – Se la partita si è potuta giocare comunque è stato anche e soprattutto merito del terreno di gioco dell’Olimpico, che ha drenato perfettamente le (tantissima) pioggia scesa in campo. Tutto è successo abbastanza velocemente e negli spogliatoi è successo di tutto e di più: la Roma è tornata in campo con Francesco Totti che ha ribaltato la gara, la Sampdoria con Dodò. È andata così.

Michele Ruotolo
Classe '88, capo-redattore e responsabile editoriale di Calcionews24. Spesso mi contraddico.
Condividi
Articolo precedente
donadoni bolognaKrafth: «Bravo Bologna, ti sei rialzato»
Prossimo articolo
allardyce mourinho rispetto inghilterraL’Atletico Mineiro non paga, l’Udinese lo cita alla FIFA