Linetty: «Sono sulla strada giusta. La Sampdoria…»

49
Linetty Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Karol Linetty a 360°: il centrocampista polacco parla della sua esperienza alla Sampdoria, dal suo arrivo in Italia all’atmosfera in casa blucerchiata

Grande impatto in casa Sampdoria e nel calcio italiano per Karol Linetty. Il centrocampista polacco, arrivato in estate dal Lech Poznan e già finito nel mirino della Roma, ha parlato del suo ambientamento a Genova ma non solo ai microfoni di Pilka Nozna: «Arrivo a Genova? Mi ha aiutato la mia ragazza Wioletta. Al momento del trasferimento alla Sampdoria ero un po’ nervoso e stressato. Ma appena firmato il contratto, sono uscito per il primo allenamento e mi sono sentito molto bene. I ragazzi nello spogliatoio mi ha accolto gentilmente, l’atmosfera è divertente e vivere in Italia è fantastico. So dove voglio arrivare, sono sulla strada giusta, per questo non mi resta altro che continuare a migliorare e perseguire i miei sogni. La Sampdoria è un club di professionisti, dopo il mio arrivo sono stato messo nelle mani di una persona che mi ha aiutato nello sbrigare tutte le questioni burocratiche, limitando al minimo la confusione e mi ha aiutato nella ricerca di un alloggio».
CONTINUA LINETTY – Riporta Sampnews24.com: «Ho trovato un gruppo di amici a Genova, ci frequentiamo dopo gli allenamenti e le partite, quindi non vivo rinchiuso in quattro mura. Con la stragrande maggioranza dei ragazzi della squadra parlo inglese, quindi non ho alcun problema con la comunicazione. Ho già preso lezioni di italiano da un paio di settimane, così da non avere più barriere. Il mio maestro è un polacco, sono soddisfatto dei progressi. Quando non capisco qualcosa in allenamento semplicemente mi viene spiegato un’altra volta. Nessuno ha problemi con questo. Quando siamo in qualche parte con la squadra invece non devo vergognarmi a parlare. Posso ordinare al ristorante, chiedere un piatto senza l’ingrediente che non mi piace. Con queste piccole cose è più facile per me lavorare in una squadra».

Condividi