Sampdoria, addio a Corte Lambruschini: il piano

935
ferrero sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Sampdoria: trasferimento di sede possibile, da Corte Lambruschini a Bogliasco. Anche la Primavera sta per tornare al centro tecnico blucerchiato dopo l’esilio forzato degli ultimi tempi a Sestri Levante…

L’ipotesi era stata smentita un paio di anni fa, ma adesso pare reale: la Sampdoria potrebbe molto presto lasciare la sua storica sede di Corte Lambruschini, in centro a Genova, per andare altrove. Il presidente Massimo Ferrero e l’avvocato Antonio Romei avrebbero già individuato una palazzina nei pressi di Bogliasco, in Via Cavour: sarebbe la prima volta nella sua storia della Sampdoria lontano dal centro cittadino. Del resto però ad ottobre sarà pronta, proprio a Bogliasco, la foresteria di Casa Sampdoria, la nuova casa dei giocatori e dello staff tecnico, naturale pensare ad uno spostamento anche della sede, riporta Il Secolo XIX. La sede di Corte Lambruschini invece? Tecnicamente appartiene a Sport e Spettacolo, la srl di Ferrero, che la affitta alla società per centomila euro l’anno: potrebbe essere venduta e, con i proventi della vendita, ci sarebbe modo di acquistare un paio di piani nel palazzo di Via Cavour di cui sopra in cui spostare i nuovi uffici della società blucerchiata.

SAMPDORIA: LA PRIMAVERA TORNA A BOGLIASCO – Nel mentre, tra qualche settimana, anche la Primavera dovrebbe tornare nel centro tecnico di Bosgliasco (attualmente è in esilio a Sestri Levante) per le partite casalinghe, non appena saranno terminati i lavori di rifacimento. Resta l’incognita del parcheggio che non è di proprietà della Samp, ma del Comune, ma per il resto è quasi tutto pronto. La società ha anche nominato Gianluca Murinangeli, tra gli organizzatori di eventi come Sochi 2014 e Baku 2015, come responsabile per il centro tecnico, segno palese che Bogliasco sarà sempre più casa del club.

Michele Ruotolo
Classe '88, capo-redattore e responsabile editoriale di Calcionews24. Spesso mi contraddico.
Condividi
Articolo precedente
as roma pallottaPallotta amaro: «C’era un rigore per la Roma»
Prossimo articolo
berardi sassuolo mapei stadiumParadosso Sassuolo: vince col Mapei Stadium deserto