Saponara: «Posso dare di più per l’Empoli»

109
Formazioni ufficiali: Lazio - Empoli
© foto www.imagephotoagency.it

Riccardo Saponara, centrocampista offensivo dell’Empoli, non perde di vista l’obiettivo salvezza prima dello scontro col Crotone: «Ora gli scontri diretti non sono fondamentali»

L‘Empoli è in lotta per la salvezza e Riccardo Saponara è il suo faro. Il centrocampista offensivo ha parlato delle prime giornate così così dell’Empoli e non solo. Ecco cosa ha detto Saponara: «Non sono amareggiato, né deluso perché sapevo che sarebbe potuto accadere qualcosa oppure il contrario. Si è parlato tantissimo di me, ma non in termini concreti. Mi sono concentrato sull’Empoli, c’è un obiettivo storico da centrare e le motivazioni sono tante».

IL NUMERO DIECI – Ancora Saponara: «Mi sono sempre visto con il dieci addosso, nonostante sia la prima volta che lo indosso e il trequartista paia un ruolo fuori moda. Con Martusciello c’è un rapporto che nasce nel 2009 e va oltre quello che è un legame professionale, lui ci conosce bene. So che devo dare di più, non sono più un giovanissimo ed è giusto dare esperienza a chi ha anni in meno di me. Si parla di scontro diretto col Crotone ma questo tipo di partite non è fondamentale adesso per la classifica. Puntiamo a vincere, è certo».

UN PASSO AVANTI – Sempre Saponara ha aggiunto: «A Udine è stato un risultato bugiardo, abbiamo giocato bene e fatto un passo avanti e se avessi segnato allora non avremmo perso. Per quanto concerne la salvezza non possiamo pretenderla con un girone di anticipo, l’Empoli è cambiato tanto rispetto all’anno scorso, serve un periodo di adattamento e ci sarà qualche difficoltà in più all’inizio. Non dobbiamo preoccuparci».

Gianmarco Lotti
Giornalista sportivo toscano vivente, amante del calcio come cultura. Nel 2010 è stato inserito nella lista dei migliori calciatori nati dopo il 1989 stilata da Don Balón.
Condividi
Articolo precedente
calciomercato interBazoer a gennaio: l’Inter ci prova
Prossimo articolo
sampdoria - milanFerrero: «Sampdoria da prima fascia, Cassano traditore»