Sintesi 14ª giornata: sogno Atalanta, pari Samp. Il Cagliari respira

48
© foto www.imagephotoagency.it

Sintesi 14ª giornata, Serie A 2016-17: si sono giocate Bologna – Atalanta, Cagliari – Udinese e Crotone – Sampdoria. Le ultime news e i risultati

Sintesi 14ª giornata per la Serie A 2016-17. Ieri il Milan ha vinto a Empoli e il Torino ha battuto il Chievo mentre a mezzogiorno la Lazio ha sbancato Palermo; nel pomeriggio, oltre a Genoa – Juventus, si sono giocate Bologna – Atalanta, Cagliari – Udinese e Crotone – Sampdoria. Di seguito le sintesi di questi tre match.

Bologna – Atalanta: sintesi

L’Atalanta inizia la gara del Dall’Ara all’arrembaggio, come aveva finito quella vinta con la Roma e al diciassettesimo mette già a referto due palle gol e una rete. Conti sbaglia al 13′ da due passi mentre Kurtic al 17′ di testa manda alto, in mezzo al 15′ è Masiello a metter dentro lo 0-1 sul secondo palo col piattone su una sortita dell’onnipresente Gomez. Ancora il Papu, vera e propria ossessione della difesa felsinea, al 38′ sfiora il palo con il Bologna fermo a guardare, i rossoblu hanno un’occasione poco prima del duplice fischio con un tiro.cross di Rizzo smanacciato da Sportiello. A inizio ripresa l’Atalanta potrebbe chiuderla con Petagna su assist di Kurtic ma anche lui spara altissimo, il gol del due a zero arriva al 67′ sempre grazie a Gomez che pennella sulla testa di Kurtic una palla straordinaria e l’ex viola la gira sul primo palo sorprendendo Mirante. Il Bologna non esiste più e l’Atalanta continua a sognare l’Europa (che conta?).

Cagliari – Udinese: sintesi

Una bella partita al Sant’Elia, dove Rastelli si giocava parecchio. Nel primo tempo meglio il Cagliari che passa in vantaggio dopo un gran pressing, al 35′ è Farias a portare avanti i suoi su calcio di rigore. A inizio secondo tempo Fofana disfa e fa: prima sbaglia il passaggio e lancia Farias in porta ma il brasiliano sbaglia malamente, poi al 51′ pareggia con un gran destro dal limite dopo una doppia finta. Passano sette minuti e Sau segna il golazo del 2-1: azione sul filo del fuorigioco, Isla di prima dal fondo crossa in mezzo e la punta sarda di tacco infila un Karnezis in ritardo. Al 66′ Thereau sfiora il pari, prende palla ai venti metri e tira un bolide deviato da Alves sul palo a Storari battuto. A tre dalla fine ancora il palo salva i padroni di casa perché Peñaranda lascia andare un missile da lontanissimo e Storari deve fare gli straordinari mandando sul montante e vanificando le chance di pareggio friulane.

Crotone – Sampdoria: sintesi

Nella prima frazione di gioco parte forte il Crotone come da copione e a metà primo tempo su errore di Alvarez va vicino al gol con Falcinelli, poi è pericolosissimo con Palladino che scivola solo davanti a Puggioni. Tanto tuonò che piovve e al 43′ il Crotone va avanti con Falcinelli, abile a mettere agilmente in rete una respinta del portiere doriano. Per una risposta dei liguri bisogna aspettare il nono della ripresa, quando Quagliarella di punta da calcetto sfiora il palo. La Samp è anche sfortunata e al 62′ centra una clamorosa traversa con un bolide di Muriel in diagonale dal limite dell’area. Il pari della Sampdoria arriva al ventisettesimo della ripresa: Pedro Pereira crossa per Quagliarella, tiro al volo sporco e Fernandes, in sospetto offside, a porta vuota fa uno a uno. La Sampdoria spinge e lascia spazi dietro ma i due attacchi non creano occasioni degne di tale nome e quindi si va negli spogliatoi sull’1-1.

Condividi