Sintesi 9ª giornata: emozioni all’Olimpico, Fiorentina straripante

89
convocati chievo verona - cagliari
© foto www.imagephotoagency.it

Sintesi 9ª giornata: in Serie A si sono giocate Empoli – Chievo al Castellani, Torino – Lazio all’Olimpico e Cagliari – Fiorentina al Sant’Elia

Sintesi 9ª giornata: si sono giocate cinque gare nel primo pomeriggio di oggi. Oltre a Atalanta – Inter e Crotone – Napoli (e a Sampdoria – Genoa e Milan – Juventus di ieri e Udinese – Pescara all’ora di pranzo), il Torino ha sfidato in casa la Lazio mentre il Cagliari e la Fiorentina se la sono vista al Sant’Elia, e infine Empoli – Chievo si è disputata al Castellani. Andiamo a rivivere le emozioni di quei match con la sintesi delle tre gare delle quindici.

CAGLIARI 3-5 FIORENTINA – Entusiasmo a mille a Cagliari, che parte sulle ali dell’entusiasmo e dopo ottanta secondi segna. Murru da sinistra riceve da Sau e crossa al volo, Di Gennaro si incunea tra i difensori e di testa fa secco Tatarusanu. Ci prova poi la Viola due volte con Ilicic da fermo ma Storari è sempre super, però non può nulla al ventesimo quando Kalinic sotto porta devia di testa un cross teso di Tello e fa uno a uno. Nemmeno il tempo di rimettere a posto le idee per il Cagliari che Bernardeschi ne segna due: il primo con un piattone di sinistro su assist di Kalinic, il secondo in contropiede con una fucilata da fuori sotto la traversa. Diventa un incubo al 40′ per i sardi, Kalinic fa addirittura poker con un tiro a giro dopo uno slalom bellissimo di Bernardeschi. Non è finita qui perché al 54′ Kalinic ancora chiude i conti con un altro colpo di testa favoloso su un cross di Tello. A riaprire la gara ci pensa Marco Capuano al 61′ con un altro colpo di testa su corner, bello stacco del difensore su parabola arcuata di Di Gennaro. A quattordici dalla fine si ripete lo schema con Di Gennaro, dal sinistro del sardo da angolo spunta la testa di Borriello che fa 3-5. Finisce così il pazzo incontro in terra sarda.

EMPOLI 0-0 CHIEVO – Il Chievo inizia meglio dell’Empoli e al ventitreesimo esulta per un tiro di Gamberini che sembra aver varcato la linea ma la goal line technology premia l’Empoli e la super parata di Skorupski sul colpo di testa del difensore. Per trovare un’altra occasione da gol in una partita molto brutta bisogna aspettare la ripresa e la punizione di Krunic, ben parata in corner da Sorrentino. Bella invece l’occasione al 66′ per Meggiorini: cross da sinistra di Gobbi e l’ex interista di testa sfiora la traversa. Non succede più nulla e finisce 0-0.

TORINO 2-2 LAZIO – Dopo venti minuti di tiri da lontano è il Torino a passare in vantaggio con Iago Falque: lo spagnolo sfrutta un cross da destra di Zappacosta e la mette all’angolino di testa saltando tra i due centrali. La partita è divertente e le squadre giocano un buon calcio, nel primo tempo è Keita ad avere una ghiotta chance dall’esterno dell’area ma tira fuori. Nella ripresa invece Ljajic prova a segnare su punizione ma Marchetti è bravo a respingere coi pugni. Quando meno il Torino se l’aspetta, a venti dalla fine, arriva il più classico dei gol dell’ex: Patric da destra crossa sul secondo palo, Immobile in acrobazia impatta e batte Hart. Lo stesso Hart all’84’ è mostruoso su Cataldi e manda in corner, ma dall’angolo segna il giovanissimo Murgia: il classe ’96 è lasciato solo e di testa batte il portiere. Allo scadere dei novanta minuti il Torino si guadagna un rigore per un mani discutibile di Parolo: tira Ljajic e fa due a due, risultato con cui termina il match.

Condividi