Super Milik a Kiev: Napoli batte Dinamo, tre punti!

50
napoli - bologna mazzarri de laurentiis
© foto www.imagephotoagency.it

Decidono la rete di Garmash e la doppietta di Milik: il Napoli passa a Kiev sul campo della Dinamo

Gruppo B della fase a gironi di Champions League, aprono le danze Dinamo Kiev e Napoli nello scenario dell’Olimpiyskiy: decidono le reti di Garmash e le due di Milik, che ha dunque ribaltato lo svantaggio iniziale. Tre punti per la banda Sarri, pareggio tra Benfica e Besiktas in Portogallo.

PRIMO TEMPO – Subito un brivido per il Napoli: Sydorchuk calcia da metà campo e prova a sorprendere Reina, l’estremo difensore spagnolo deve indietreggiare con velocità per salvare in corner. Buona presenza territoriale per gli uomini di Sarri in avvio: prima vera chance per Albiol al 14’ minuto, sugli sviluppi di un corner lo stacco è attutito dall’intervento di Khaceridi. Al 18’ batti e ribatti nell’area partenopea, irrompe Rybalka che sfrutta la deviazione di Allan per sfiorare il gol del vantaggio. Ingenuo Ghoulam al 21’, concede punizione dal limite per fallo su Yarmolenko, lo stesso si incarica della battuta ma è lenta ed imprecisa. Al 26’ minuto il vantaggio della Dinamo Kiev: marcatura da incubo di Ghoulam su Yarmolenko che ha spazio e tempo per crossare agevolmente, preziosa la sponda di Tsygankov per Garmash che gira alla perfezione nella porta partenopea. Napoli inizialmente in difficoltà nella gestione dello svantaggio, strada facendo acquisisce sicurezze fino al pareggio del 36’ minuto: Ghoulam si riscatta con un cross perfetto, Shovkovskiy esce male ed in ritardo, ne approfitta Milik che deposita in rete con un bel colpo di testa a porta praticamente indifesa. Al 43’ Mertens ruba palla a Makarenko e si invola verso la porta ucraina, soluzione finale imprecisa: poteva suggerire in mezzo, calcia comunque da buona posizione ma manda a lato. Uomini di Sarri in enorme crescendo: al secondo minuto di recupero sponda perfetta di Milik per Hamsik che lancia di prima per Callejon, cross per Mertens il cui colpo di testa favorisce il tap-in vincente del centravanti polacco. Al quarto gol con la maglia partenopea, di cui tre di testa. Risultato all’intervallo: 1-2.

SECONDO TEMPO – Nessun cambio all’intervallo: la Dinamo Kiev prova a guadagnare metri di campo nel tentativo di rispondere alla grande reazione del Napoli di Sarri, prima vera chance all’11’ minuto con una battuta dai venticinque metri di Rybalka, palla appena alta sulla porta difesa da Reina. Il Napoli risponde al 14’: perfetto il filtrante di Hamsik per Mertens che ritarda troppo la scelta finale e termina con il non fare nulla. Il capitano partenopeo – prima di essere sostituito – ci prova in prima persona, battuta forte ma imprecisa. Palo di Mertens al 20’: gran tiro che fredda Shovkovskiy, salvato dal legno. Al 23’ minuto ulteriore chiave di svolta della gara: espulso Sydorchuk per doppia ammonizione: punita una simulazione evidente in piena area partenopea. Napoli stranamente in affanno in superiorità numerica: diversi corner in ripetizione per la Dinamo Kiev, al 33’ svetta Vida e manda alto. Brividi finali: Albiol concede punizione dal limite al 43’, Yarmolenko però – stanco rispetto al primo tempo – spara altissimo. Risultato finale: Dynamo Kiev – Napoli 1-2.

REAZIONE NAPOLI – L’approccio alla gara da parte del Napoli europeo non è dei migliori: imbarca sulla sua sinistra, ne approfitta Yarmolenko che fa il bello e cattivo tempo per l’intera prima frazione di gara. Poi la reazione targata Milik: quattro gol in azzurro, di cui tre di testa. Il Napoli ha una nuova arma? Può reinventarsi in maniera differente, sfruttando i cross più di quanto lo abbia fatto nella passata stagione? Intanto la prima internazionale porta tre punti preziosissimi.

TABELLINO – DINAMO KIEV – NAPOLI 1-2

Marcatori: Garmash (D) 26’, Milik (N) 36’, Milik (N) 45’+2

Ammoniti: Dinamo Kiev – Garmash; Napoli – Milik

Espulsi: Dinamo Kiev – Sydorchuk

Dinamo Kiev (4-3-3): Shovkovskiy; Makarenko, Khacheridi, Vida, Antunes; Sydorchuk, Rybalka (all’82’ Korzun), Garmash; Yarmolenko, Moraes (all’87’ Gladkiy), Tsygankov (al 73’ Gusev). In panchina: Rudko, Morozyuk, Buyalsky, Fedorchuk. Allenatore: Serhij Rebrov

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik (al 62’ Zielinski); Callejon, Milik (all’82’ Gabbiadini), Mertens (al 73’ Insigne). In panchina: Sepe, Maksimovic, Maggio, Diawara. Allenatore: Maurizio Sarri

Massimiliano Bruno
Giornalista sportivo ed economico, dottore di ricerca in analisi socio-economica, diffido di chi va d'accordo con tutti, nato curioso.
Condividi
Articolo precedente
bruno peres roma torinoBruno Peres: «Roma, obiettivo scudetto!»
Prossimo articolo
assist del fantacalcioChampions League: Barcellona e Bayern Monaco a valanga