Udinese, i Pozzo puntano più sul Watford?

246
pozzo felipe jankto
© foto www.imagephotoagency.it

Il Watford fattura 120 milioni di euro, mentre l’Udinese 50: i Pozzo punteranno sul club inglese?

L’Udinese, club di proprietà della famiglia Pozzo, dal 2010 ad oggi, grazie all’ottimo lavoro nel settore scouting, è riuscita a creare una plusvalenza di ben 230 milioni. Calciatori come Benatia, Cuadrado, Pereyra e Sanchez sono stati scoperti e poi rivenduti a prezzi altissimi. Questi vendite, però, così come i risultati della squadra, negli ultimi anni stanno andando un po’ a calare. Nell’ultimo mercato le cessioni hanno portato nelle casse bianconere circa 32 milioni di euro, mentre per gli acquisti sono stati spesi 15 milioni. Il guadagno rimane, ma rispetto al passato si può facilmente notare un ribasso. Una fonte sicura di ricavo, però, resta lo stadio, ma basterà? La Dacia Arena, per la quale sono state investite circa 50 milioni di euro, rappresenta una vera polizza a vita per il futuro della società, con utili che arriveranno ad almeno 10 milioni di euro.

TUTTO SUL WATFORD – A differenza dell’Udinese, il club inglese  ha un fatturato di 120 milioni di euro. In questo momento, viste le difficoltà del club bianconero, è il Watford la prima fonte di guadagno della famiglia Pozzo. E se non dovesse cambiare qualcosa è lecito pensare che il taglio tra la società fruliana e quella londinese continui ad aumentare.  L’unico modo che ha l’Udinese per tornare grande è quello di ricominciare a creare plusvalenze, impresa non facile dopo le due stagioni negative alle spalle. Gino Pozzo ha affermato che riporterà l’Udinese in Europa, ma c’è chi spera di non diventare solo un sobborgo londinese. A riferirlo è Il Messaggero Veneto.

Francesco Toscano
Francesco Toscano, o semplicemente "Tosky", del 1991, campano. Amante del calcio e di tutte le storie che lo circondano. Un solo sogno: "Kaizoku-ō ni ore wa naru!".
Condividi
Articolo precedente
gasperini toloiAtalanta, Gasperini: «Rosa troppo larga»
Prossimo articolo
palermo ballardini indifferenzaPalermo a De Zerbi, indifferenza Ballardini