Witsel: «Mi sentivo della Juventus, mi spiace»

85
© foto www.imagephotoagency.it

La Juventus aveva preso Axel Witsel prima della retromarcia clamorosa all’ultimo minuto dello Zenit sul calciomercato. «Vedremo a gennaio» dice il belga

Axel Witsel aveva già fatto le visite mediche con la Juventus, aveva scelto la maglia numero 28 e l’affare di calciomercato con lo Zenit San Pietroburgo sembrava cosa fatta. «Il mio destino era bianconero, io mi sentivo così. Ora vediamo a gennaio che accadrà, ma non ho ancora un accordo con la Juventus» afferma il centrocampista belga, che ha visto sfumare all’ultimo istante il trasferimento a Torino. Adesso però deve pensare allo Zenit anche se ringrazia la Juve che con lui ha avuto classe e che ha fatto di tutto per portarlo in Serie A.

UNA JUVENTUS FORTISSIMA – Una retromarcia strana quella dello Zenit, prosegue il giocatore, a cui dispiace molto che tutto sia saltato. Ora però si concentrerà sulla sua squadra da buon professionista qual è, ma comunque un pensiero alla Juventus c’è sempre: «Ha fatto una squadra fortissima, vedrete tutti come andrà bene in Champions League». Appuntamento rimandato per l’approdo alla Juve, ammette lo stesso Witsel a La Gazzetta dello Sport. Basterà solamente aspettare gennaio per capire se le due parti troveranno un accordo, altrimenti sarà addio a parametro zero ai russi in estate.

Gianmarco Lotti
Giornalista sportivo toscano vivente, amante del calcio come cultura. Nel 2010 è stato inserito nella lista dei migliori calciatori nati dopo il 1989 stilata da Don Balón.
Condividi
Articolo precedente
montella-milan-raduno-luglio-2016-ifaMontella: «Milan in Europa, smentiamo tutti»
Prossimo articolo
de boerMazzitelli, Verre e altri affari per l’Inter