A tutto Biglia: «Grato al Milan. Mi vergogno davanti a Leonardo e Maldini. Higuain grande uomo»

A tutto Biglia: «Grato al Milan. Mi vergogno davanti a Leonardo e Maldini. Higuain grande uomo»
© foto www.imagephotoagency.it

Lucas Biglia, centrocampista del Milan, ha parlato raccontando la sua esperienza in rossonero. Ecco le sue dichiarazioni

Lucas Biglia è grato al Milan per la riconferma e ha parlato a Sky Sport della sua esperienza in rossonero: «Ringrazio la società che mi ha dato un’altra opportunità. Io ho cercato la mia rivincita sin dal primo giorno perché l’anno scorso, per diversi motivi, è stata dura. Devo ringraziare chi mi ha dato un’altra opportunità perché in un’altra squadra o ti preferiscono un altro o ti mandano in prestito, dico grazie alla società e al mister. Qui mi sono sentito subito a mio agio, mi sento a casa. Ora sono più tranquillo, conosco di più l’ambiente. Cosa ci manca? Ci manca ancora qualcosa per crescere come la sofferenza e la cattiveria in alcune partite».

Prosegue l’argentino: «Derby? E’ una sfida che sentiamo, la sentiamo già da prima del Chievo. Sicuramente per noi da lunedì inizia un altro campionato. Io derby è una partita a parte, io ne ho giocato diversi ed è così ovunque: i derby non si giocano, si vincono. Abbiamo fiducia in noi, vogliamo continuare queste vittorie che abbiamo portato a casa. Gattuso? Ho enorme rispetto per lui, tra di noi c’è un rispetto muto. Spero di ripagarlo in campo nella miglior maniera. Non ti lascia un secondo per rilassarti, ti sta sempre dietro per farti dare il meglio. Leonardo e Maldini? Incontrarli è incredibile, io a volte mi vergogno davanti a loro. Un paio di settimane fa ho chiesto una foto anche al Mister e lui mi ha mandato a quel paese. Higuain? E’ stato accolto nella migliore maniera e quando si sente a case rende al meglio. Quando ho visto che i ragazzi lo apprezzavano ho capito che avrebbe espresso le sue qualità. Ora sta aiutando anche i ragazzi, è un vero uomo, aiuta, fa crescere i più giovani. Suso? Quando lo incontravo in Nazionale mi diceva sempre che avrebbe voluto giocare con Suso e che gli piaceva tantissimo e sono felice che si siano incontrati».