Allegri in conferenza: «Sarri? Non gli sto più dietro! Scudetto? Napoli favorito. Higuain? Sarà convocato»

Allegri in conferenza: «Sarri? Non gli sto più dietro! Scudetto? Napoli favorito. Higuain? Sarà convocato»
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole in conferenza stampa di Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, alla vigilia della trasferta del San Paolo di Napoli

Vigilia di NapoliJuventus per MassimilianoAllegri. Il tecnico della Juve «Lichtsteiner non ci sarà. Cuadrado si è allenicchiato un pochettino insieme a Bernardeschi e dovrebbero essere a disposizione. Higuain ha un dolore alla mano ma dovrebbe essere a disposizione, sono fiducioso. La Juve al momento ha fatto il cammino che doveva fare, il Napoli sta facendo cose straordinarie, l’Inter è due punti sotto al Napoli e noi siamo a 4 punti da loro. Noi abbiamo lasciato per strada qualche punto ma bisogna fare i complimenti a loro. Domani per noi è un buon test per l’Olympiacos perché è la prima partita della stagione perché abbiamo l’obbligo di andare agli ottavi di Champions. A Napoli sarà una partita di grande fascino, dovrà essere una serata di sport e di calcio, me lo auguro. Verrà fuori grande spettacolo ed è una partita importante. Noi dovremo affrontarla da grande squadra, con grande rispetto. Loro ora sono i favoriti per lo Scudetto, noi dovremo essere bravi per arrivare a marzo nelle migliori condizioni. Higuain? Al momento parliamo di convocazione, vediamo quanto dolore ha. E’ inutile rischiare un altro giocatore per una partita con altre trenta davanti a noi, faremo le valutazioni con lui. Se firmerei per lo 0-0? No, non firmerei! Abbiamo la possibilità di fare una grande partita e di avere due risultati dalla nostra: la vittoria sarebbe un bel balzo in avanti, il pari sarebbe positivo. Domani dobbiamo fare una bella prestazione dal punti di vista tecnico, tattico e fisico. In queste gare la differenza la fa i dettagli: chi meno sbaglia porta a casa la partita».

Prosegue il tecnico bianconero: «La patente del bel gioco al Napoli? Nessuno è primo per caso, conta arrivare primi. Loro giocano un bel calcio e hanno imparato a fare velocemente la fase difensiva che è sempre stata la forza di Sarri, poi sulla sinistra fanno sempre qualche giochino e devo dire che sono bravi, non c’è niente da fari. La miglior difesa? Ora ce l’ha il Napoli ed è primo, l’Inter ha la seconda ed è secondo, noi siamo terzi. Speriamo di vincere lo stesso senza miglior difesa o magari avremo la miglior difesa alla fine. Il Napoli negli ultimi 3 anni ha fatto divertire la gente, me compreso. Difesa a tre? Howedes, Barzagli e Benatia possono giocare al centro della difesa. Barzagli faceva il centrocampista con me, per fortuna poi ha giocato in difesa. Benatia deve essere più convinto nei suoi mezzi. Non so se giocheremo a tre o a quattro. La scelta della difesa dipenderà da chi ci sarà in avanti. Al momento gli unici sani in avanti sono Douglas Costa, Dybala e Mandzukic: se avrò altri attaccanti a disposizione giocheremo con più uomini in attacco, altrimenti giocheremo con più uomini dietro. Sarri? La sua forza è stata sempre la difesa. Il Napoli infatti difende molto bene ma tutti parlano dell’attacco. Il Napoli ha grandi giocatori in attacco, dipende anche dalle caratteristiche: loro hanno tutti piccoletti, noi abbiamo giocatori con caratteristiche diverse. Lui è molto bravo a sfruttare i giocatori che ha a disposizione.».

Chiosa finale di Allegri: «La bomba di Dagospia? Io speravo che si fossero picchiati perché un po’ di casino serve per alzare la tensione ma non è successo nulla. Squadra connessa? La squadra ha un punto in più dell’anno scorso, è il Napoli che ha fatto 12 vittorie e 2 pareggi e domani affronteremo una squadra che merita di essere primo e merita i favori del campionato anche se l’Inter e la Roma sono lì, soprattutto i giallorossi danno segni di grande solidità. Sarà un campionato aperto fino alla fine con 4-5 squadre, ci metto anche la Lazio, che si daranno battaglia fino alla fine e bisogna rimanere attaccati. De Sciglio? Si è perso negli ultimi anni per degli infortuni, per delle situazioni, può capitare. Sta crescendo aiutato da grandi calciatori e sta facendo bene. Se domani fosse la finale di Coppa Italia Higuain giocherebbe titolare? Domani non c’è la finale, vediamo oggi come sta e la disponibilità che mi dà Gonzalo. Sarri dice che l’Inter fa un altro sport? Una volta c’ha il campo, una volta c’ha una settimana in meno, io non gli sto più dietro, secondo me vuole crearmi confusione. Ogni tanto fa bene allenarsi per una settimana ma a me piace giocare sempre. Chiellini ha detto che toglierebbe Insigne? Non si possono togliere giocatori, bisogna contrastarli. Napoli favorita per lo Scudetto? Perché il Napoli sta viaggiando a una media impressionante e in questo momento è la favorita per lo Scudetto. Poi tutti sperano che perda la Juve e per noi è una sfida stimolante per arrivare a quello che sarebbe il settimo Scudetto consecutivo».