Perisic-Inter: Spalletti vuole trattenere il croato, ma la società lo mette sul mercato. Per Bernardeschi…

perisic
© foto www.imagephotoagency.it

Spalletti vuole trattenere Perisic, posizione in contrasto con la società – 5 giugno, ore 21,55

Ivan Perisic tra due fuochi: l’esterno croato rientra nei piani di Luciano Spalletti, ma la società nerazzurra è pronta a sacrificarlo in virtù del Fair Play finanziario e perchè non vede di buon occhio i ritocchi sull’ingaggio rischiesti dall’agente del giocatore. Come riportato da Premium Sport, l’Inter avrebbe deciso di mettere sul mercato Perisic. Per la cessione, favorito il Manchester United, che ha messo sul piatto un’offerta di 45 milioni. E l’Inter pensa già al sostituto: per Bernardeschi confermato un incontro tra Ausilio e Bozzo, col fantasista che non accetterà il rinnovo con la Fiorentina. Anche la Juventus lavora sul giocatore, ma tra bianconeri e viola non esistono buoni rapporti. I gigliati valutano il talento di Carrara sui 50 milioni, l’Inter pronta a offrirne 35 più i bonus.

Se Ivan Perisic dovesse andare via, ecco che l’Inter punterebbe su Federico Bernardeschi. Sul talento della Fiorentina c’è pure la Juventus ma i nerazzurri sembrano avanti

Luciano Spalletti non vuole lasciar partire Ivan Perisic, ma l’Inter potrebbe esser costretta a venderlo per ragioni di Fair Play Finanziario. Una volta ceduto il croato, bisognerebbe trovarne l’erede, ed ecco spuntare Federico Bernardeschi. Il numero dieci della Fiorentina è da sempre un obiettivo concreto dell’Inter e potrebbe diventarlo ancora di più qualora si trovasse con una casella da riempire sugli esterni d’attacco. La Juventus si è messa sulle tracce del talento viola, ma al momento è l’Inter a essere in vantaggio, seppur di poche incollature. Quaranta milioni di euro è la richiesta della Fiorentina, non sono pochi ma comunque è una spesa che Suning può fare. Attenzione, scrive Il Corriere dello Sport, perché temporeggiare troppo sarebbe deleterio: Bernardeschi piace anche a PSG, Manchester United e Bayern Monaco e l’asta europea è dietro l’angolo.