Closing Milan, Galliani: «Si va verso il sì»

milan
© foto www.imagephotoagency.it

Closing Milan, ultimissime notizie. Il Diavolo potrebbe essere quotato in borsa: Sino Europe Sports fa nascere Rossoneri Hong Kong e la chiusura delle trattative sembra vicina

Closing Milan: la battuta di Galliani – 28 febbraio, ore 7.11

Ultimo pranzo ad Arcore da responsabili del Milan per Silvio Berlusconi e Adriano Galliani. A Villa San Martino i due si sono incontrati nella mattinata di ieri e hanno esaminato gli ultimi dettagli a pochi giorni dalla cessione a Sino Europe Sports. Lo stesso Galliani ha parlato con l’agenzia Radiocor Plus e ha spiegato lo stato delle cose con una battuta semplice ma efficace: «Tutto fa pensare per il sì». Fininvest rimane in attesa di vedere l’ultima rata dovuta da Ses e soprattutto la lista degli investitori: per entrambe le cose probabilmente bisognerà aspettare la giornata di venerdì con lo sbarco a Milano della delegazione cinese.

Closing Milan: trentuno anni in un clic – 27 febbraio, ore 8.29

Basterà il tempo di una sbirciata al pc e finirà l’era Berlusconi: quando il bonifico comparirà sui conti Fininvest, allora si apriranno le danze per il vero e proprio closing del Milan. Dalla Cina sono in arrivo trentadue persone che rimarranno a Milano nel prossimo weekend; i tempi per adesso sono stati rispettati e potranno subire cambiamenti solo in minima parte. Tra mercoledì e giovedì anche l’ultima parte di denaro per l’acquisto del Milan viaggerà da Hong Kong al Lussemburgo per poi arrivare sul conto Fininvest, si pensa nella giornata di venerdì. Come riporta La Gazzetta dello Sport i documenti sono stati preparati e l’iter burocratico è chiusa, basta  solo aggiornare il saldo della holding berlusconiana perché anche l’ultimo atto sia compiuto.

Closing Milan, una settimana decisiva – 25 febbraio, ore 7.11

I nomi degli investitori del nuovo Milan sono ancora avvolti nell’ombra. C’era chi sperava in un colpo di scena nella giornata di ieri ma così non è stato e quindi la presentazione di chi sarà dietro a Sino Europe Sports slitta. La lista dovrebbe essere resa nota all’inizio della prossima settimana, ovverosia quando Fininvest dovrebbe avere riscontro sul bonifico relativo all’ultima tranche di denaro. C’è ottimismo da parte di Ses e del futuro presidente Yonghong Li. Intanto i fondi vengono trasferiti da Hong Kong al Lussemburgo e non sembrano esserci intoppi in questo caso, scrive La Gazzetta dello Sport.

Closing Milan, la smentita di Huarong – 24 febbraio, ore 19.03

Si avvicina il closing per il Milan, ma tra i finanziatori della cordata SES non ci sarebbe il colosso Huarong. Kelly Fung, senior vice presidente di PordaHavas (società che gestisce la comunicazione finanziaria di Huarong), ha smentito un coinvolgimento ai microfoni di Business Insider: «Non siamo coinvolti, non sappiamo nulla della trattativa. I rumor che circolano in Italia qui non sono mai arrivati. Non abbiamo idea di chi sia Sino Europe, non l’abbiamo mai sentita».

Closing Milan, tutti (o quasi) i soldi di SES – 24 febbraio, ore 8.32

Il closing per il Milan si avvicina, la prossima settimana in queste ore il Diavolo starà passando da Fininvest a Sino Europe Sports. Per SES i due principali finanziatori, anche se non ufficializzati, si sanno da tempo: si tratta di Huarong e di Haixia, due veri e propri colossi in Cina. Huarong International Financial Holdings è quotata alla borsa di Hong Kong con una capitalizzazione di 10,26 miliardi di dollari hongkonghesi, ovverosia 1,25 miliardi di euro. Sono numeri importanti anche quelli di Haixia, fondo di venture capital che investe capitali con una gestione di 2,20 miliardi di euro circa. Cifre impressionanti quelle del nuovo Milan riportate da Il Corriere dello Sport, considerando soprattutto che Haixia e HIFI non sono gli unici investitori.

Closing Milan, il programma – 22 febbraio, ore 7.39

Alla fine della settimana o all’inizio della prossima, Sino Europe Sports comunicherà a Fininvest la lista definitiva degli investitori con le relative quote. Saranno cinque-sei e tra questi troveranno spazio i due nomi noti di Haixia Capital e Huarong. Yonghong Li sarà il nuovo presidente, Marco Fassone il nuovo amministratore delegato: la conferenza stampa di presentazione di tutto il nuovo Milan avverrà sabato 4 marzo, il giorno della sfida dei rossoneri con il Chievo. Solo il 1 marzo però Fininvest avrà l’intera cifra da parte di Ses, vale a dire i quattrocentoventi milioni di euro di cui si parla da mesi. Il 3 marzo sarà l’ultima assemblea dei soci di questo Milan e qualche ora dopo – a Arcore oppure a Villa Germetto a Lesmo – avverrà lo storico passaggio. La novità importante riguarda il calcio giocato e Vincenzo Montella, l’allenatore non sottrarrà attenzione al closing e quindi anticiperà la sua conferenza stampa a giovedì 2 marzo.

Closing Milan, centotrenta milioni – 21 febbraio, ore 8.00

Il closing ha i giorni contati. Iniziano le settimane decisive per il futuro del Milan, il flusso di denaro lascerà l’Asia per arrivare in Europa e infine in Italia, la prossima settimana il Diavolo cambierà pelle dopo trentun anni di Berlusconi. I soldi partiranno dalla Rossoneri Hong Kong e arriveranno alla Rossoneri Luxembourg, poi andranno ai conti Fininvest: venerdì tre marzo sarà il giorno del cambio ufficiale di consiglio di amministrazione. Per quanto riguarda il calciomercato del futuro, il Milan potrebbe avere a disposizione centotrenta milioni di euro, scrive La Gazzetta dello Sport. A questi vanno aggiunti ovviamente i soldi per qualche cessione remunerativa come quella di Carlos Bacca.

Closing Milan, Berlusconi assente alla sua “ultima” – 20 febbraio, ore 8.10

Ha fatto notizia l’assenza di Silvio Berlusconi a San Siro per la vittoria del Milan contro la Fiorentina. Per Berlusconi si trattava della sua ultima gara allo Stadio Giuseppe Meazza come proprietario del Milan, molto probabilmente è stata anche la sua ultima con una carica nei rossoneri dato che non sembra più intenzionato a diventare presidente onorario. Per il Milan era presente il solo amministratore delegato Adriano Galliani in rappresentanza dei piani alti della società. Nei prossimi giorni avverrà il closing e verosimilmente il 4 marzo contro il Chievo sarà presente in tribuna la proprietà cinese con Sino Europe Sports.

Closing Milan, in arrivo gli ultimi 320 milioni per la cessione – 18 febbraio

Ormai ci siamo: tra pochi giorni arriverà l’ultima maxi-rata da 320 milioni di euro che servirà a concludere le trattative tra il Milan e i cinesi per il passaggio di proprietà del club rossonero. Dopo 31 anni quella di domenica prossima contro la Fiorentina dovrebbe essere l’ultima a San Siro di Silvio Berlusconi. Secondo “La Gazzetta dello Sport” i cinesi avrebbero completato la raccolta dei fondi e hanno iniziato la trafila burocratica da Hong Kong al Lussemburgo per concludere l’affare. Il denaro transiterà da Hong Kong al Lussemburgo ed entro fine mese arriverà nelle casse di Fininvest grazie alla creazione di due società ad hoc, la Rossone­ri Hong Kong e la Rossoneri Lu­xembourg, che hanno permesso di bypassare la burocrazia del governo cinese. L’assemblea dei soci sarà convocata mercoledì 1 marzo e venerdì 3 e presumibilmente il passaggio di consegne avverrà nella seconda data, con il cambio di CdA. Il giorno dopo, sabato 4, la conferenza stampa dei nuovi proprietari al mattino e poi la passerella in occasione di Milan-Chievo. La lista completa degli investitori non è ancora nota ma sicuramente nel ‘pacchetto’ sembra esserci China Huarong Asset Management, tra le più grandi so­cietà finanziarie pubbliche in Cina.

Closing Milan: dietrofront Berlusconi – 17 febbraio, ore 8.49

Contrariamente alle notizie degli ultimi giorni, sembra che Silvio Berlusconi abbia intenzione di dire no alla carica di presidente onorario. Sino Europe Sports ha espresso più volte la volontà di avere il Cavaliere all’interno dell’organigramma del nuovo Milan, ma l’ex premier sembra voler declinare sia questa proposta sia qualsiasi altro ruolo all’interno della società rossonera. A breve dovrebbero esserci segnali tangibili per la scelta di Berlusconi, rimasto scottato anche delle ultime vicende con Montella, come riporta Il Corriere dello Sport.

Closing Milan: e Berlusconi che fa? – 16 febbraio, ore 9.25

Silvio Berlusconi rimarrà al Milan ma non con il venti per cento delle azioni. Ieri è uscita già la secca smentita di Fininvest su quote di minoranza del Milan in mano al Cavaliere, oggi invece secondo Il Corriere dello Sport si parla di un ruolo per l’ex Premier nel Milan che verrà. Berlusconi infatti dovrebbe avere una carica e quasi certamente sarà quella di presidente onorario. I cinesi di Sino Europe Sports starebbero spingendo per una sua permanenza anche se senza poteri particolari, Berlusconi sta valutando e sembra andare verso il sì.

Closing Milan il 3 marzo con 320 milioni. Fassone da Berlusconi – 15 febbraio

Tra l’1 e il 3 marzo il Milan avrà un nuovo proprietario. Smentita la voce sulla possibile permanenza di Silvio Berlusconi con il 20% delle azioni, Sino Europe Sports rileverà il 99,93% delle quote per 320 milioni. I cinesi trasferiranno i soldi da Hong Kong alla Rossoneri Sport Luxemburg entro fine febbraio e il 3 marzo dovrebbe arrivare l’attesa fumata bianca, o rossonera se preferite. Inoltre verrà modificato l’articolo 6 dello statuto sociale, ovvero la clausola di gradimento attraverso la quale il CdA del Milan deve esprimere il suo gradimento ad un cambio di proprietà: una clausola ininfluente grazie alla penale inserita nell’accordo. Intanto Silvio Berlusconi ha incontrato ad Arcore, il mese scorso, Galliani e Fassone: un incontro per conoscere il nuovo amministratore delegato milanista. Un segnale importante in vista del closing. A riferirlo è “La Gazzetta dello Sport“.

Closing Milan: Berlusconi resta col 20%? La smentita di Fininvest – 14 febbraio, ore 18.48

Nuovi aggiornamenti e nuove indiscrezioni sul closing Milan. Adnkronos riporta che la cordata cinese che sta per acquistare il club meneghino avrebbe proposto a Silvio Berlusconi, attuale presidente, di restare come presidente onorario e di tenere il 20% delle azioni. Berlusconi, secondo quanto riportato, ci starebbe pensando soprattutto riguardo la ‘gestione tecnica’ del club. E’ arrivata però la smentita di Fininvest: la vendita del Milan riguarda il 99,9% delle quote detenute dalla famiglia Berlusconi.

Closing Milan, Ses estingue il debito – 14 febbraio, ore 7.18

Sino Europe Sports ha estinto il suo debito con la società off-shore Willy Shine International. Da essa partì il bonifico verso le casse Fininvest per il pagamento della seconda caparra da cento milioni di euro. Con questa azione Ses ha liberato dal vincolo di pegno “Rossoneri Champions“, la società controllata creata appositamente da Ses. La cordata cinese ha firmato il pagamento e si leggono i nomi di Ren Yubing per Willy Shine International e di Chen Huashan per Ses. Si attende solo il passaggio di proprietà adesso, come riporta Calcio e Finanza.

Closing Milan: in arrivo sponsor dalla Cina – 11 febbraio, ore 8.40

Nella prossima finestra di calciomercato il Milan potrà usufruire di un budget ampio, quasi centocinquanta milioni di euro. Potrebbe però arrivare una variazione in positivo grazie alle cessioni oppure a un fattore legato al closing, vale a dire nuovi contratti di sponsorizzazione. L’amministratore delegato in pectore Marco Fassone ha incontrato varie aziende e gruppi in Cina per tastare il terreno in vista di un possibile accordo di sponsor. C’è chi vuole associare il proprio marchio al Milan e tra questi troviamo anche soggetti che inizialmente sembravano far parte della cordata Sino Europe Sports ma poi si sono tolti in favore di investitori più forti, scrive Tuttosport.

Closing Milan: due dimissioni eccellenti – 10 febbraio, ore 8.24

Il closing è a un passo, mancano solo le firme. L’assemblea dei soci si terrà i primi di marzo in due convocazioni e ratificherà il passaggio di consegne tra il nuovo e il vecchio consiglio di amministrazione. Nello stesso giorno – o comunque nel giro di qualche ora – arriverà pure un’altra firma, ugualmente storica, che sancirà la cessione a Sino Europe Sports. Dove verranno firmati i documenti? Secondo Il Corriere dello Sport il palcoscenico del closing potrebbe essere il quartier generale Fininvest a Milano oppure Villa San Martino a Arcore, residenza del presidente Silvio Berlusconi. Barbara Berlusconi e Adriano Galliani, i due amministratori delegati attuali, si dimetteranno e verranno presentate anche le nuove cariche.

Closing Milan, deliberate le due convocazioni dell’assemblea per il closing: ecco le date – 9 febbraio, ore 15.41

E’ stata deliberata quest’oggi la doppia assemblea per il closing rossonero: la prima avverrà il primo marzo, la seconda il 3 marzo. Saranno rispettate le tempistiche individuate dopo l’ultimo slittamento della trattativa. Secondo “Sky Sport” la volontà del nuovo gruppo è quella di chiudere l’accordo già nella prima data. Questa dovrebbe essere la volta buona, dopo due anni e mezzo di voci e trattative, per il passaggio di consegne tra Silvio BerlusconiSino Europe Sports. Il Milan si prepara a cambiare proprietà.

Closing Milan: l’assemblea dei soci – 9 febbraio, ore 8.00

Sembra delinearsi il passaggio di consegne del Milan dalle mani di Silvio Berlusconi a Sino Europe Sports, l’atto finale si avvicina. Nella giornata di oggi verso le 13.30 si riunirà il Consiglio di amministrazione del Milan e sarà formalizzata la convocazione dell’assemblea dei soci del Milan. La prima convocazione sarà per mercoledì 1 marzo, la seconda due giorni dopo, vale a dire venerdì 3 marzo. Saranno rispettate le tempistiche individuate dopo l’ultimo slittamento della trattativa. Come riporta La Gazzetta dello Sport la convocazione dell’assemblea dei soci non significa certezza del closing, ma comunque è un buon viatico per arrivare alla chiusura delle trattativa. Il 1 marzo potrebbe dunque essere il giorno decisivo per chiudere.

Closing Milan: doppio contatto – 8 febbraio, ore 9.50

Doppio contatto nella sede di Fininvest in vista del closing per il Milan. Barbara Berlusconi ha incontrato Marco Fassone, che per certi versi sarà suo erede visto che ricoprirà la carica di amministratore delegato con Sino Europe Sports. Berlusconi e Fassone hanno fatto il punto sul marketing e sugli sponsor rossoneri, ma non sono stati i soli a confrontarsi. C’è stato anche un altro incontro, sebbene in conference call: i membri di Fininvest hanno parlato con gli advisor di SES e l’affare sembra viaggiare spedito, ci saranno nuovi contatti nei prossimi giorni per chiarire gli aspetti finanziari, riporta Il Giorno.

Closing Milan: il futuro in dieci giorni – 4 febbraio, ore 8.15

In dieci giorni il Milan potrà conoscere il suo destino e non solamente sul campo, adesso che arriva un ciclo di partite dure per il Diavolo in Serie A. Il futuro societario del Milan è in ballo e il closing si avvicina. Cosa serve? La garanzia del versamento dei cento milioni da utilizzare nel calciomercato estivo e soprattutto dei trecentoventi per il 99.3% delle azioni a Fininvest. I tempi si fanno sempre più brevi e la qualificazione in Europa potrebbe diventare un viatico importante: la quarta esclusione di fila non gioverebbe alle casse rossonere, sia che si tratta della gestione Berlusconi o di quella Sino Europe Sports.

Closing Milan, nasce Rossoneri Hong Kong

La base operativa dei nuovi azionisti del Milan si è spostata a Hong Kong per ovviare alle difficoltà ormai note. Sino Europe Sports ha spostato in avanti la deadline del closing per via delle grane riguardo l’autorizzazione del governo della Cina all’esportazione di capitali. Manca meno di un mese alla data della chiusura definitiva delle operazioni e c’è fermento per SES e Yonghhong Li, vice presidente in pectore del Milan. Al momento la base è ancora tra Guangzhou e Shenzhen in attesa di trasferire tutto a Hong Kong ma il Capodanno cinese e i relativi festeggiamenti stanno bloccando tutto almeno fino a domenica. Entro venerdì prossimo, scrive La Gazzetta dello Sport, potrebbe arrivare la svolta per quanto concerne i 420 milioni di euro, dovrebbero infatti arrivare le garanzie per i soldi utilizzati per il Milan. Se tutto dovesse andare per il verso giusto allora Fininvest potrebbe convocare l’assemblea per il passaggio delle quote, ma al momento trapela cautela in attesa del passaggio decisivo della trattativa. Sembra che i cinesi non abbiano intenzione di nominare un presidente in segno di rispetto a Silvio Berlusconi, a cui verrebbe lasciata la carica di presidente onorario. Con il completamento dei pagamenti inoltre si saprà chi c’è dietro a Sino Europe Sports e si conosceranno i nuovi azionisti, i quali avranno quote superiori al 10% cadauno. Intanto si continua a parlare di un Milan quotato in borsa e lo spostamento a Hong Kong (e la conseguente nascita di Rossoneri Hong Kong, che va a sommarsi a Rossoneri Lussemburgo) è visto proprio in questa direzione.