Connettiti con noi

Inter News

Esonero de Boer: i nomi dei possibili sostituti, sale Pioli

Pubblicato

su

de boer inter

Esonero de Boer: mentre si fa largo il nome di Leonardo per il post-olandese, Thohir conferma la propria vicinanza all’attuale tecnico Frank de Boer. Dopo la sconfitta con la Sampdoria però tutto torna in gioco…

AGGIORNAMENTO 15.07: ESONERO DE BOER, RISALE PIOLI – Dopo la sconfitta di ieri l’Inter riflette sul futuro di de Boer. Al momento si fanno vari nomi per la sua sostituzione: l’allenatore candidato numero uno è Leonardo, seguito da Blanc, ma attenzione perché i nerazzurri potrebbero decidere di puntare, dopo la difficile esperienza con un tecnico straniero, su un italiano. Il nome di Stefano Pioli, ancora sotto contratto con la Lazio ma senza panchina da diversi mesi, potrebbe intrigare a questo punto come traghettatore in ottica dell’arrivo di un tecnico nuovo la prossima stagione: Diego Pablo Simeone.

AGGIORNAMENTO 22.55: DE BOER RISCHIA ANCORA – Dopo la sconfitta con la Sampdoria torna pericolosamente a rischio la posizione di de Boer, anche se in merito per il momento non giungono assolutamente aggiornamenti. Possibile che l’Inter decida di concedere un’ultima settimana di ultimatum all’olandese, anche visti gli impegni ravvicinati (Southampton giovedì in Europa League e poi Crotone domenica prossima. I favoriti restano Blanc e Leonardo in caso di esonero dell’ex Ajax, che adesso è più che mai sotto esame…

AGGIORNAMENTO 30 OTTOBRE, GIORNATA DECISIVA – Oggi si gioca Sampdoria – Inter e per Frank de Boer è la giornata decisiva. In caso di insuccesso il tecnico olandese rischia davvero l’esonero anche se l’Inter non sembra avere intenzione di cambiare prima della sosta. Stando a Il Corriere dello Sport Leonardo starebbe scalando posizioni e sarebbe tra i favoriti per la panchina assieme a Laurent Blanc. Guidolin e Pioli rimangono staccati, ma comunque sono alternative da prendere in considerazione. Stasera comunque se ne saprà di più.

AGGIORNAMENTO 29 OTTOBRE: NON RISCHIA, MA… – Come già noto l’Inter ha confermato la sua fiducia a de Boer, ma il problema rimane e l’olandese è ancora a rischio. Per quanto riguarda i sostituti sta scalando sempre più posizioni Laurent Blanc che entrerebbe in panchina solo dalla sosta, anche se l’esonero (ventilato ma non certo, bene ricordarlo) di FdB avvenisse dopo la delicata sfida con la Sampdoria. Blanc comunque ha allungato su Leonardo, su Stefano Pioli e su Francesco Guidolin. Quindi de Boer è confermato, ma con qualche riserva.

AGGIORNAMENTO ORE 13 – Dopo l’endorsement di Erick Thohir a sostegno del proprio allenatore, anche la società in blocco ha confermato la permanenza di Frank De Boer durante la conferenza stampa. Ausilio: «La panchina dell’Inter è di Frank De Boer, noi non abbiamo contattato nessuno e sfido chiunque a dire che è stato contattato. Noi sostentiamo il suo progetto di calcio e siamo convinti che sarà anche vincente». Lo ha confermato anche Bolingbroke: «La società è al cento per cento al fianco di De Boer».

AGGIORNAMENTO ORE 12:THOHIR CONFERMA DE BOER – Erick Thohir, assente per motivi di famiglia dell’Assemblea degli Azionisti dell’Inter, ha rilasciato un messaggio ai presenti attraverso colui che ha assunto la presidenza della riunione, Nicola Volpi: «I risultati del campo non sono stati soddisfacenti ma i tre punti contro il Torino ci permettono di ripartire, perché nonostante le difficoltà gli obiettivi restano gli stessi, ovvero tornare in Champions League. Resta la vicinanza all’allenatore e alla squadra. Siamo qui per prenderci le nostre responsabilità e per continuare a prendere tutte le decisioni necessarie sempre e solo per il bene dell’Inter».

AGGIORNAMENTO ORE 11: LEONARDO TRAGHETTATORE? – Le ultime riferite da Sport Mediaset circa l’esonero, ancora possibile in caso di sconfitta con la Sampdoria, di Frank de Boer, danno l’ex Leonardo come possibile cavallo di ritorno sulla panchina nerazzurra. Leonardo avrebbe il ruolo di traghettare, come già accaduto, la squadra fino alla fine del campionato, per poi prendere la prossima stagione il posto probabilmente di Massimo Mirabelli (che andrà al Milan) come direttore tecnico interista. Per la prossima stagione le preferenze, come allenatore, sono ancora per Diego Pablo Simeone (Atletico Madrid), ma resta viva l’ipotesi Laurent Blanc, che potrebbe arrivare comunque anche subito.

AGGIORNAMENTO 28 OTTOBRE: QUELLA VISITA A SAN SIRO – Stando a quanto riporta La Gazzetta dello Sport a Inter – Torino era presente nientedimeno che il vice storico di Laurent Blanc. Era lì per parlare con l’Inter o solo come 007 dell’ex ct francese? Ancora non si sa ma comunque scricchiola la panchina di de Boer e questo collide clamorosamente con le parole di FdB, il quale si sente al sicuro. Pioli, Guidolin e Leonardo rimangono le altre strade da percorrere per l’Inter ma, come detto ieri, se ne riparlerà verso il 5-6 novembre.

AGGIORNAMENTO 27 OTTOBRE: TUTTO CONGELATO – Esonero de Boer congelato, la vittoria dell’Inter sul Torino ha dato una spinta alle quotazioni del tecnico olandese che adesso è leggermente meno in bilico. Stefano Pioli e Francesco Guidolin rimangono in pole per la sostituzione, scrive Il Corriere dello Sport, ma si cerca di capire se è ancora il caso di cacciare de Boer. Le prossime due gare saranno decisive, anche perché, se proprio esonero deve essere, l’Inter vorrebbe aspettare la sosta per le nazionali.

AGGIORNAMENTO 26 OTTOBRE 17:00: LE PAROLE DEL PROCURATORE – Guido Albers, agente di Frank de Boer, avrebbe escluso la possibilità di un esonero del tecnico olandese. Queste le parole riportate da Voetbal International: «Non abbiamo avuto ancora nessuna comunicazione riguardo un eventuale esonero». L’agente, dunque, allontana le voci, ma di certo la situazione potrebbe cambiare in caso di sconfitta con il Torino.

AGGIORNAMENTO 10.30: THOHIR A MILANO, CON ZHANG… – Il patron dell’Inter Erick Thohir è arrivato a Milano, prevista in giornata una riunione con Steve Zhang, figlio dell’uomo che ha acquistato la maggioranza nerazzurra, e altri uomini di Suning per parlare del possibile esonero di de Boer. Nulla di deciso per il momento, ma la partita di stasera con il Torino è più che mai decisiva e la candidatura di Blanc prende forza. Nonostante i cinesi vogliano il francese, in verità all’interno dell’Inter ci sarebbero varie anime non concordi: l’ex patron Massimo Moratti spingerebbe per Leonardo, mentre il direttore sportivo Piero Ausilio ed il vice-presidente Javier Zanetti vorrebbero alla guida un tecnico italiano…

AGGIORNAMENTO 26 OTTOBRE: PLOT TWIST! – Esonero de Boer: attenzione alle voci che riporta Il Corriere dello Sport, perché probabilmente Torino – Inter potrebbe non essere la gara decisiva per l’olandese. L’Inter infatti potrebbe aspettare la prossima sosta per le nazionali (prevista nel weekend del 12 e 13 novembre) per valutare se mandare via FdB o meno e poi chiamare un sostituto quando ci sarà meno congestione di partite. Qualora però saltasse stasera o domani, il tecnico della Primavera Walter Vecchi potrebbe fare da traghettatore per una o due partite.

AGGIORNAMENTO 25 OTTOBRE ORE 23,50 – Panchina nerazzurra sempre più discussa. Sul nome di Laurent Blanc, già circolato come possibile sostituto di de Boer, arrivano conferme dalla Francia: secondo quanto riportato da Le Parisien, l’Inter avrebbe già preso contatti con l’allenatore francese, ‘bloccandolo’ in caso di esonero dell’olandese. Secondo RMC, poi, il gruppo Suning avrebbe promesso a Blanc forti investimenti nel mercato invernale.

AGGIORNAMENTO ORE 11: DE BOER E IL TORINO, 24 ANNI DOPO – L’incontro contro il Torino, che potrebbe certificare l’esonero di Frank de Boer dalla panchina dell’Inter, è un curioso incrocio di circostanze. Sulla panchina granata siede l’ex interista Sinisa Mihajhlovic, ma non è tutto. Il Torino, battendo l’Inter e sancendo l’addio dell’olandese, potrebbe vendicarsi, come ricorda La Stampa oggi, per uno sgarbo di ormai ventiquattro anni fa: allora de Boer era un giovane terzino dell’Ajax e, con i Lancieri, alzò al cielo la Coppa UEFA del 1992 in finale (andata e ritorno, 2 a 2 all’andata, 0 a 0 al ritorno ad Amsterdam). Proprio la famosa finale dei tre legni granata e della sedia alzata al cielo da Emiliano Mondonico. Da allora la Curva Maratona canta: «Torneremo ad Amsterdam», ma da allora non è mai successo… Può succedere però che de Boer sconti quello sgarro domani.

AGGIORNAMENTO 25 OTTOBRE: GLI SCENARIFrank de Boer è sempre più sulla graticola, anche a poche ore da Torino – Inter. La società nerazzurra sta pensando all’esonero e si parla già di liquidazione, perché a giugno potrebbe andare via per 1,3 milioni di euro senza che a Milano debbano pagare un altro stipendio. Intanto però si rincorrono le voci sui sostituti e ci sono due scuole di pensiero. Secondo alcuni l’Inter è su un traghettatore (Edy Reja o Andrea Mandorlini, ma anche Stefano Pioli o Francesco Guidolin) in vista dell’estate quando si punterà a Diego Pablo Simeone. Altrimenti c’è la pista che non prevede il Cholo, ovverosia prendere subito un big adesso come Laurent Blanc o Marcelo Bielsa. L’Inter è fortemente tentata da Mandorlini in ottica Simeone, stando a La Gazzetta dello Sport.

AGGIORNAMENTO 24 OTTOBRE: INTERVIENE MORATTI – Massimo Moratti ha parlato della delicata situazione relativa alla posizione di Frank de Boer, allenatore dell’Inter sempre più in bilico, e della formazione nerazzurra, reduce da tre sconfitte consecutive in campionato. Il tecnico olandese si gioca la panchina nella prossima sfida contro il Torino ma Moratti parla soprattutto da tifoso e non da ex presidente e attuale consigliere interista. Queste le parole di Moratti a “Rai Sport“: «De Boer? La questione è un po’ complicata e non sarò certo io a districarla. Se l’allenatore è in difficoltà o meno, in ogni caso lui si esprime con la squadra. Il primo tempo di ieri sicuramente è stato negativo e questo ci ha impedito di vincere la partita in casa dell’Atalanta. I giocatori non lo capiscono? Questo non lo so, non penso sia difficile. Io comunque posso solo parlare da tifoso».

ZHANG JR. ARRIVA A MILANO, DECISIONE IN ARRIVO? – Sono ore decisive per il futuro di Frank De Boer in merito alla sua possibile permanenza o dipartita dalla panchina dell’Inter. Pochi minuti fa è arrivato a Milano Steve Zhang, figlio di Jindong Zhang, numero uno del gruppo Suning, mentre Erick Thohir è atteso mercoledì a Milano. Divergenza tra le correnti societarie in merito alla questione esonero: Thohir parrebbe intenzionato a confermare De Boer, le due anime del club sono divise tra un esonero immediato e un’altra chance da dare nel turno infrasettimanale contro il Torino a San Siro.

AGGIORNAMENTO 24 OTTOBRE: ESONERO DE BOER, TRE ITALIANI IN LIZZA – Si parla di possibile addio, forse già oggi, di Frank de Boer: al posto dell’olandese l’Inter starebbe vagliando piste che portano ad allenatori tutti italiani. Stefano Pioli, ex Lazio (ancora sotto contratto con i biancocelesti), Francesco Guidolin, da poco esonerato dallo Swansea City (ma che può allenare in Italia) e Andrea Mandorlini, ex Hellas Verona, come raccontato stamane da La Gazzetta dello Sport. Restano in piedi anche piste estere, come già accennato, da Blanc e Leonardo passando per l’outsider portoghese Marco Silva. Molto verrà deciso nella giornata di oggi, altrimenti ogni tipo di discorso è rimandato a mercoledì.

AGGIORNAMENTO 20: DE BOER ESONERATO SUBITO? EDER… – Continuano a girare voci circa un possibile imminente esonero di Frank de Boer, prima della partita di mercoledì con il Torino. Per il momento nessuna conferma dalla società, che dopo aver smentito in un primo momento, al momento resta in silenzio in attesa di cedere. Il tempo per un eventuale cambio di panchina è poco, tra i possibili sostituti c’è anche l’ex Leonardo. Nel mentre Eder, di fatto, prende le difese del tecnico olandese, scaricando l’intera responsabilità di questo disastroso inizio di stagione sullo spogliatoio nerazzurro, non ancora molto unito e coeso…

AGGIORNAMENTO ORE 19: DE BOER CONFERMATO, MA… – Frank de Boer confermato per il momento sulla panchina dell’Inter, come annunciato anche dalle voci della società dopo la sconfitta rimediata oggi con l’Atalanta. Attenzione però, perché mercoledì il tecnico olandese avrà un confronto con il presidente Erick Thohir, che arriverà in Italia. Si parlerà dell’aspetto tecnico e si farà un resoconto di questa prima parte di gestione, molto complicata, dell’allenatore nerazzurro. Dunque de Boer confermato, ma a tempo, perché proprio mercoledì i nerazzurri sfideranno il Torino ed allora potrebbe succedere di tutto…

AGGIORNAMENTO: ESONERO DE BOER, ECCO I POSSIBILI SOSTITUTI – In caso di sconfitta con l’Atalanta, i nerazzurri sondano anche altri allenatori. I nomi, oltre a quello di Laurent Blanc, sono quelli un po’ meno illustri di Andrea Mandorlini e Francesco Guidolin, oltre al sempreverde Fabio Capello, che però dovrebbe essere ancora convinto.

Laurent Blanc ha giocato con l’Inter come difensore e adesso potrebbe diventarne l’allenatore. Il condizionale è d’obbligo perché in casa Inter ancora non si hanno del tutto le idee chiare ma Frank de Boer non è del tutto riabilitato dopo la vittoria in Europa League a San Siro contro il Southampton. Il futuro di de Boer passa infatti dalla partita di oggi, una trasferta ostica dell’Inter a Bergamo contro l’Atalanta di Gian Piero Gasperini, ex di turno con il dente molto avvelenato.

L’INTER VIRA SU BLANC – Come detto l’olandese è ancora a rischio e quindi l’Inter studia alcune piste tra gli allenatori di livello disponibili al momento. Laurent Blanc è quello che più di tutti potrebbe far gola alla compagine milanese e il suo nome è stato fatto principalmente perché non c’è la volontà di prendere un traghettatore, si pensa a un grande nome e l’ex del Paris Saint Germain e della nazionale francese sembra l’uomo giusto, come scrive Tuttosport. D’altronde fino a pochi giorni fa Rudi Garcia era il favorito ma si è accasato al Marsiglia.

AGGIORNAMENTO ORE 13.20 – Situazione tesa alla Pinetina. Premium Sport riporta di un de Boer preoccupato e sono attesi aggiornamenti nelle prossime ore: domani è previsto l’arrivo di Steven Zhang a Milano e ci sarà un summit per valutare la situazione. Le sensazioni portano ad una conferma fino a mercoledì: sarà decisiva la sfida contro il Torino, valida per la 10^ giornata di Serie A.