Enrico Brignola, tutto quello che non sai sul giovane folletto del Sassuolo

Enrico Brignola, tutto quello che non sai sul giovane folletto del Sassuolo
© foto www.imagephotoagency.it

La scheda su Enrico Brignola, il folletto campano classe 1999 che ha già stregato Benevento

Enrico Brignola è una giovane ala destra, classe 1999, attualmente in forza al Sassuolo che lo ha acquistato dal Benevento nell’estate del 2018 per 3,5 milioni di euro più 500mila euro di bonus. Si forma calcisticamente nel settore giovanile delle “streghe”, con anche un anno in prestito alla Roma. Nel 2016 si unisce alla prima squadra del Benevento, disputando un buon campionato di Serie B, culminato con la promozione in Serie A. L’esordio nel massimo campionato avviene in una partita già storica per i campani, Benevento-Milan 2-2. Il 6 gennaio arriva anche il primo gol, nel 3-2 con cui il Benevento supera la Sampdoria. Alla termine della stagione 2017-2018, dopo la retrocessione della squardra giallorossa viene acquistato dal Sassuolo. Il ragazzo ha già fatto intravedere lampi di talento e ampi margini di miglioramento. Se continuerà su questa strada, sicuramente sentiremo ancora parlare di lui.

ANAGRAFICA

Nome e Cognome: Enrico Brignola

Data di nascita:8 luglio 1999

Club: Sassuolo

Nazionalità: Italia

CARATTERISTICHE TECNICHE

Ruolo naturale: Ala destra

Ruolo alternativo: Esterno destro/seconda punta

Ruolo potenziale: Ala destra

Piede: Sinistro

Punti di forza: Brignola è un ala destra molto tecnica e rapida. Dotato di un buon dribbling e di una velocità invidiabile, ha come principale caratteristiche quella di saltare l’uomo e creare superiorità numerica sulla fascia. Inoltre è molto abile nell’utilizzo del piede debole, qualità che gli garantisce più imprevedibilità e pericolosità. Possiede anche una buona duttilità, che gli permette di ricoprire più ruoli nel reparto avanzato.

Punti deboli: Sicuramente uno svantaggio è rappresentato dal fisico non imponente, che spesso non gli consente di reggere il contrasto con i difensori avversari. Dovrebbe migliorare anche l’incisività sotto porta, in quanto ogni tanto quando si trova negli ultimi metri sbaglia la scelta decisiva.

POTENZIALE

Campionato ideale: Per qualità e caratteristiche tecniche Brignola si troverebbe a meraviglia in campionato in cui si segna molto come la Liga spagnola. Il livello non eccelso delle difese e gli ampi spazi concessi gli permetterebbero di fare decisamente bene in termini di gol e assist. D’altra parte potrebbe avere qualche difficoltà in un campionato molto fisico come la Premier League, dove Brignola farebbe fatica contro i rocciosi difensori del campionato inglese.

Chi ci ricorda: Quando si guarda giocare Enrico Brignola, e ne si osservano le movenze, è quasi inevitabile associarlo ad un altro folletto campano, il fantasista del Napoli Lorenzo Insigne. Ovviamente ci sono alcune differenze importanti, Lorenzo è destro e gioca a sinistra, mentre Enrico, oltre a essere mancino è più alto del collega. Tuttavia i movimenti e le qualità di Brignola ricordano molto da vicino quelle del giocatore napoletano.

Dove può arrivare: I presupposti per sfondare nel grande calcio sembrano esserci tutti. D’altronde se a 18 anni, alla tua prima esperienza in Serie A hai già messo insieme due gol e un assist in 8 presenze, qualcosa di speciale devi averlo. Brignola sembra avere infatti tutte le carte in regola per fare bene, a patto che resti con i piedi per terra e continui a lavorare duramente.

SEGNI PARTICOLARI

Enrico Brignola nasce a Caserta l’8 luglio 1999. Cresce e si forma nelle giovanili del Benevento, con un passaggio anche nell’unger 17 della Roma nel 2015. L’anno successivo ritorna in Campania e si unisce alla prima squadra, conquistando a fine stagione la promozione in Serie A. Nel campionato successivo colleziona tre reti e due assist convincendo il Sassuolo ad acquistarlo. Brignola ha collezionato anche alcune presenze con la nazionale italiana under 21 e under 19.

Enrico Brignola – Skills and Goal