Esonero Sousa: Di Francesco, Giampaolo e Sarri i sogni viola

© foto www.imagephotoagency.it

Esonero Sousa, la Fiorentina pensa a un cambio in panchina dopo la disfatta in Europa League. L’addio al portoghese è sicuro ma potrebbe essere anticipato di qualche mese

Esonero Sousa: sogno Sarri, ipotesi Ranieri – 1 marzo, ore 10.55

Tra i candidati per il dopo Paulo Sousa, oltre ai nomi che circolano da tempo, si è aggiunto in queste ore quello di Claudio Ranieri. L’eroe separatosi dal Leicester è nuovamente su piazza e la Viola potrebbe farci un pensierino per la prossima stagione. Difficile però, come spiega la Nazione, che Sir Claudio rinunci ai 5 milioni di sterline che percepirà dalle Foxes fino al 2020.

Esonero Sousa: sogno Sarri, i nomi in lista – 1 marzo, ore 7.45

Si iniziano a fare i primi nomi per il futuro di Sousa, qualora il tecnico dovesse rimanere fino a fine stagione e non servisse un traghettatore. Il sogno è Maurizio Sarri, ma è difficilissimo: il mister del Napoli piace tanto a Pantaleo Corvino (lo voleva a Bologna qualche anno fa) ma ha un contratto in vigore con il club partenopeo e l’unica speranza è che possa interrompere il legame, scenario molto complicato. In pole c’è Marco Giampaolo, il coach della Sampdoria è un nome che intriga e economicamente sarebbe una mossa più facile ma pure lui ha un contratto da rispettare col Doria e Massimo Ferrero non intende liberarlo. Spuntano quindi, scrive La Gazzetta dello Sport, due ipotesi suggestive: Eusebio Di Francesco del Sassuolo e Leonardo Jardim del Monaco. Allettante la prima, avveniristica la seconda.

Esonero Sousa, c’è Reja? Le parole del tecnico di Gorizia – 28 febbraio, ore 18.52

Atalanta – Fiorentina sarà decisiva per il destino del tecnico viola Paulo Sousa, la cui panchina traballa in seguito agli scarsi risultati. Il candidato per la successione attualmente in pole è Edy Reja, con il tecnico di Gorizia che ha commentato così l’ipotesi gigliata a Radio Olympia: «Per il momento preferisco mantenere il silenzio. Ne riparleremo se e quando succederà».

Esonero Sousa: sarà decisiva l’Atalanta – 28 febbraio, ore 7.38

Sarà decisiva la partita con l’Atalanta per la Fiorentina, solo allora si capirà la posizione del tecnico Sousa. Se dovesse perdere con la Dea, allora potrebbe scattare l’ora di Edy Reja, pronto a fare da traghettatore fino a fine stagione. Al momento Sousa è confermato ma si gioca molto nel prossimo match, scrive La Gazzetta dello Sport. Non è da escludere però che la Fiorentina voglia tenere Sousa fino a fine stagione quasi per ‘punizione’, in modo tale da non concedergli mesi di vacanza e fargli quindi guadagnare lo stipendio senza dover allenare.

Esonero Sousa: la società conferma il tecnico portoghese – 27 febbraio, ore 23,18

Nessun cambio in vista sulla panchina della Fiorentina. Dopo il summit della dirigenza viola dopo il pareggio col Torino, la società gigliata ha comunicato la conferma di Paulo Sousa alla guida della squadra.

Esonero Sousa, summit Fiorentina in corso – 27 febbraio, ore 23,03

Un’altra serata amara al ‘Franchi’ per la Fiorentina dopo l’eliminazione dall’Europa League di giovedì scorso. Raggiunta in rimonta dal Torino, la squadra viola pensa al suo futuro, sempre più incerto. A cominciare dal suo allenatore Paulo Sousa; è infatti in corso un summit tra i dirigenti della società gigliata per discutere della posizione del suo tecnico.

Esonero Sousa, Antognoni assieme a Guidi – 27 febbraio, ore 7.49

Paulo Sousa stasera si gioca il suo futuro in Fiorentina – Torino. Il tecnico portoghese rischia l’esonero e i nomi che si fanno per il sostituto sono sempre gli stessi. Serve un traghettatore e si pensa a Edy Reja o Andrea Stramaccioni, ma nelle ultime ore è uscito anche un nome che sicuramente scalderà la piazza, quello di Giancarlo Antognoni. L”Unico 10′ prenderebbe il posto in panchina ma non come primo allenatore, bensì come supervisore di Federico Guidi, attuale tecnico della Primavera. Antognoni è l’unico in grado di scaldare i cuori della piazza in questo momento, come riporta Tuttosport.

Esonero Sousa: «La squadra è con lui, battiamo il Toro!» – 25 febbraio, ore 16.10

Le dichiarazioni di Gonzalo Rodriguez a margine dell’incontro all’ospedale pediatrico Meyer: «Questo è il momento più duro da quando sono a Firenze, io e i miei compagni non riusciamo a spiegarci il perche della sconfitta in Coppa di giovedì, adesso bisogna rialzare la testa e andare avanti. Sousa? Qui siamo tutti responsabili, non solamente l’allenatore, il tecnico ci ha sempre difesi e noi siamo con lui. Lunedì ci aspetta la sfida contro il Torino, sarà la più importante dell’anno e non dobbiamo fallire».

Esonero Sousa, Reja o Stramaccioni come traghettatori? – 25 febbraio, ore 11.05

La Fiorentina andrà avanti con Sousa, almeno fino al match di lunedì sera contro il Torino di Sinisa Mihajlovic. Se la società non dovesse vedere una reazione nella squadra, dopo la batosta in Europa, è possibile che il tecnico portoghese venga esonerato. Al suo posto, probabilmente, si sceglierà un allenatore che possa fare da traghettatore fino al termine della stagione. Secondo quanto riportato da La Nazione, sono tre i nomi in lista: Reja, Stramaccioni e l’allenatore della primavera Guidi.

Esonero Sousa, il Torino è decisivo – 25 febbraio, ore 7.00

Molto probabilmente Sousa non verrà esonerato prima di lunedì, si aspetterà la partita con il Torino per capire la reazione della squadra alla batosta europea. Sousa però è totalmente sfiduciato, sia l’ambiente che la dirigenza non sono dalla sua parte e si pensa già all’addio, che sarebbe inevitabile alla fine della stagione. Il Torino lunedì sera darà molte indicazioni in più sul futuro del portoghese, una sconfitta significherebbe addio ai viola. Intanto continua la lista di nomi per l’anno prossimo: il sogno è Maurizio Sarri ma le ipotesi più veritiere sono Eusebio Di Francesco e soprattutto Marco Giampaolo, scrive La Gazzetta dello Sport.

Esonero Sousa, summit in casa Fiorentina: Ranieri al suo posto? – 24 febbraio – ore 17

Ore importanti per il futuro della Fiorentina. In queste ore, secondo “Radio Bruno Toscana” si starebbe tenendo un summit con Paulo Sousa, Pantaleo Corvino, Mario Cognigni, Giancarlo Antognoni e Carlos Freitas. Gli Stati Generali viola starebbero discutendo, a freddo, del futuro di Paulo Sousa. Al momento, all’interno della società, ci sono due fazioni: Della Valle spinge per l’esonero, Corvino vorrebbe continuare con l’allenatore fino al termine della stagione. Secondo il “Sun” intanto spunta una clamorosa ipotesi per la prossima stagione: Claudio Ranieri! Il tecnico campione d’Inghilterra con il Leicester è stato appena licenziato dalle Foxes incassando, sembrerebbe, una buonuscita da 17 milioni di euro. Il tecnico italiano ha già ricevuto tante proposte dalla Cina ma il suo sogno sarebbe quello di tornare alla guida della Fiorentina, squadra con la quale tra il 1993 e il 1996 ha vinto un campionato di Serie B, una Coppa Italia e una Supercoppa italiana.

Esonero Sousa, la Fiorentina pensa al cambio. Della Valle: «Sono deluso» – 24 febbraio, ore 10.35

Andrea Della Valle, patron della Fiorentina, ha parlato al termine della sconfitta europea dei viola contro il Borussia Mönchengladbach. Il patron ha detto la sua, fra le altre cose, anche sull’esonero di Paulo Sousa: «Questa eliminazione è uno shock!  La partita era praticamente chiusa e un rigore inventato l’ha riaperta. C’è tanta rabbia e delusione. Sousa? Non voglio parlarne a caldo, sicuramente sono dispiaciuto per i tifosi. In 15 anni non ricordo una partita del genere. Ora dobbiamo provare ad arrivare sesti, non possiamo mollare. Contestazione dei tifosi? Sono delusi, come noi. Mi scuso a nome della squadra. Volevamo andare avanti e potevamo giocarcela. Dopo la vittoria in Germani potevamo fare meglio. A mente fredda analizzeremo tutto, sul futuro faremo più avanti altre valutazioni. Kalinic? Il ragazzo ha già espresso la sua opinione».

Esonero Sousa, la Fiorentina pensa al cambio

Esonero Sousa, Andrea Della Valle a caldo non vuole parlarne. «Subito dopo la partita non parlo della situazione di Sousa» ha detto il patron della Fiorentina ai cronisti che lo aspettavano in seguito al tracollo viola in Europa League. Dopo la vittoria in trasferta con il Borussia Mönchengladbach, la Fiorentina si è portata sul due a zero in casa contro i tedeschi ma in quindici minuti ha subito quattro gol ed è stata eliminata. Nel mirino Sousa e la gestione sia della partita che dei cambi. La sostituzione di Bernardeschi è sembrata una provocazione a molti, tanto che adesso il portoghese potrebbe pagarne le conseguenze. L’addio a fine stagione è certo ma potrebbe arrivare l’esonero nelle prossime ore, anticipando così la fine del legame tra il lusitano e i gigliati. Corvino ha voluto gettare acqua sul fuoco ma la posizione di Sousa è in bilico. I tifosi hanno contestato la sconfitta e, pur avendo sostenuto la squadra per tutta la partita, hanno subissato di fischi i giocatori e soprattutto Sousa alla fine dell’incontro.