Genoa: il segreto di Giovanni Simeone è una app

Genoa: il segreto di Giovanni Simeone è una app
© foto www.imagephotoagency.it

Genoa: Giovanni Simeone è l’uomo del momento. Il suo segreto? Una app che stimola i riflessi mentali, ecco qual è. L’argentino per ora è titolare, ma Juric non lo vede ancora in coppia con Leonardo Pavoletti…

Due gol in due partite, l’ultimo ieri decisivo per la vittoria del Genoa contro il Bologna: Giovanni Simeone si propone come nuovo talento emergente della Serie A. L’attaccante argentino, figlio d’arte di quel Diego Pablo che in Italia fece tanto bene e che ora allena altrettanto bene l’Atletico Madrid, ha un segreto per farsi trovare sempre pronto in area: una app di brain training, ovvero una di quelle che sul tablet aiutano a stimolare i riflessi mentali. Ci gioca per un’ora e mezza circa prima di ogni partita e i risultati si vedono. Il suo nome? Luminosity. A raccontarlo lo stesso Simeone: «Mi ha aiutato tantissimo, mi ha reso più forte». Di lui tutti parlano bene: dal presidente rossoblu Enrico Preziosi, che lo ha paragonato addirittura per fiuto del gol a Filippo Inzaghi, passando per il connazionale e capitano Nicolas Burdisso, che nello sguardo di Giovanni ha rivisto quello del padre Diego.

GENOA: SIMEONE E PAVOLETTI? CI SONO DUBBI – Adesso che Leonardo Pavoletti è fermo per infortunio (e lo sarà fino a dopo la sosta almeno), Simeone sta sfruttando alla grande il suo momento, ma quando il bomber titolare tornerà? Difficile prevedere che entrambi giochino insieme, più facile invece prevedere una staffetta: l’allenatore rossoblu Ivan Juric non vede al momento un futuro per il tandem Pavoletti – Simeone. Per adesso.