Genoa, Preziosi sull’esonero di Ballardini: «Le mie scelte non hanno bisogno del consenso dei tifosi»

Genoa, Preziosi sull’esonero di Ballardini: «Le mie scelte non hanno bisogno del consenso dei tifosi»
© foto www.imagephotoagency.it

Il presidente del Genoa, Enrico Preziosi, ha parlato dell’esonero di Davide Ballardini e del ritorno in panchina di Ivan Juric

Con un ribaltone a sorpresa all’inizio della settimana, Davide Ballardini – esonerato – è stato sostituito sulla panchina del Genoa da Ivan Juric. Il presidente del club rossoblù Enrico Preziosicriticato dai tifosi per la scelta del cambio allenatore – è intervenuto sulla questione spiegando le sue motivazioni: «Non è stata la classifica a preoccuparmi, la squadra in campo non mi ha mai dato ragione di essere soddisfatta, ho visto una squadra nei guai – le parole a TeleNordLe mie scelte non hanno bisogno del consenso dei tifosi, sono nel calcio da trent’anni e, credetemi, non sono pazzo. Abbiamo piuù punti in classifica di quanto pensassimo, ma non è questo il problema».

Preziosi ha poi proseguito così: «Spesso le prestazioni della squadra siono state mascherate da giocatori come Piatek e Kouamé che hanno avuto partite straordinarie. La squadra, però, non mi ha mai soddisfatto in sette gare di campionato. A parte con Lazio e Sassuolo, che forse hanno squadre migliori, abbiamo subito 12 gol in tre partite. Ho visto una squadra in disordine, che non sa impostare. Poi con l’Empoli abbiamo sofferto, col Bologna ci è voluto un grande sforzo. Queste cose non sono colpa mia. Ho parlato con Juric per tre ore e l’ho trovato cambiato, più maturo. Penso che sia un vero allenatore e  possa darci delle soddisfazioni anche in termini di gioco».